Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.


Dizionario della libertà

Il Dizionario della Libertà è stato concepito per stimolare il confronto internazionale e culturale sul tema “La libertà delle idee” nell’ambito della Festa della Toscana.
Si apre con l’introduzione di Riccardo Nencini, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana.
Dalla A alla Z le parole della Libertà.
A cura di Alba Donati e Paolo Fabrizio Iacuzzi. Passigli Editore.
Guida singolare e imperdibile per una riflessione sul valore etico e civile, letterario e scientifico della parola Libertà, il Dizionario propone i contributi inediti di alcuni tra i nomi più prestigiosi della cultura europea e mediterranea: 26 scrittori – uno ogni lettera dell’alfabeto - ai quali è stato chiesto di scegliere una parola affine al concetto di libertà e di raccontarne etimologia, senso e loro interpretazione.
Ne risulta un vocabolario di parole chiave che serve a salvaguardare le lingue e le culture particolari, e che d’altra parte, e soprattutto, restituisce dei contenuti all’idioma libertà.
La parola libertà, raccontata in ventisei lemmi, ha quindi inizio da Az (io) del grande scrittore e saggista Tzvetan Todorov per concludersi con Zitation (citazione) del poeta tedesco Durs Grünbein, passando per la Necessitè (necessità) di Jean-Luc Nancy, il Plasir (piacere) di Fernando Savater, Fianna (tribù) di Joseph O’Connor o la Wojna (guerra) del sociologo Zygmunt Bauman.
Così continuando, Abraham Yehoshua affronta il concetto di libertà in relazione alla religione e alla storia del popolo ebraico, Tahar Ben Jelloun pone l’accento sul sapere come primo passo verso l’acquisizione dell’autonomia individuale, Philip Kerr parla della sincerità verso se stessi, la scrittrice greca Maro Duka mette invece in guardia dal potere della pubblicità come ostacolo alla libertà individuale.
Nella premessa, Mario Luzi esamina in maniera diretta la storia difficile e sempre in movimento della stessa parola Libertà.


Il Consiglio regionale della Toscana, nell’ambito della “Festa della Toscana”, in collaborazione con l’Accademia della Crusca, ha ideato e promosso la realizzazione del “Dizionario della Libertà”. Il progetto editoriale era stato ufficialmente presentato al Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, durante un incontro al Quirinale con l’Ufficio di Presidenza ed i capigruppo del Parlamento toscano e all'Accademia della Crusca.

 


Ciampi e Nencini

Nencini con il presidente Ciampi

 

Accademia della Crusca

28 novembre 2001. Accademia della Crusca. Riccardo Nencini con Francesco Sabatini, Abraham Yehoshua e Claudio Marti

 

Iniziative
Immagine intera