Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.
» Comunicati » Comunicato Indietro

Comunicati stampa gruppi politici

Condividi

Lega Toscana - Salvini Premier - 14 maggio 2024

 
dal   
  al     
 

Baldini (Lega):" Allargare il Consiglio direttivo del Parco delle Apuane ad un rappresentante dei sindacati significa di rischiare di dar voce alla CGIL che vuole chiudere le cave e sacrificare i posti di lavoro."

"Questa mattina, durante la seduta della Commissione Ambiente, ho convintamente votato contrario alla Proposta di Legge n. 245 riguardante l'integrazione della composizione del consiglio direttivo degli enti parco regionali ed il loro allargamento da 7 a 8 membri con l'aggiunta di un componente scelto dal consiglio regionale tra i soggetti designati dalle organizzazioni sindacali di lavoratori maggiormente diffuse sul territorio.
L'ho fatto - peraltro dopo aver avanzato una proposta di rinvio per approfondimento del testo largamente modificato e richiesta di supplemento della discussione oltre che di emendamento all'articolato che invece e' stato rigettato - perche' ritengo che il clima che si e' recentemente determinato intorno alle problematiche che coinvolgono le attivita' estrattive nel Parco delle Apuane, fino addirittura a giungere alla proposta "folle" di chiusura delle cave fortemente cavalcata proprio dalla CGIL, rischi di far assumere scelte legislative importanti senza la giusta serenita'.
Cosi' Massimiliano Baldini, Consigliere Regionale e membro della Commissione Ambiente in Consiglio Regionale a Firenze."

" Non sfugge, infatti, a nessuno che il piano integrato del Parco delle Apuane giace fermo in Quarta Commissione perche' viziato sotto il profilo giuridico e cartografico, con una richiesta avanzata dalla stessa Presidente della Commissione a Giani di valutare il rinvio indietro del medesimo piano a quello stesso Consiglio Direttivo che ha competenza specifica per la sua predisposizione nella fase antecedente all'approdo in Consiglio Regionale e che, nelle more, la legge modificherebbe nella sua composizione con il possibile subentro di un membro aggiunto, proprio della CGIL.

Peraltro - continua il rappresentante del partito di Matteo Salvini - come ho fatto presente durante il confronto in aula, i sindacati rappresentano i lavoratori nelle sedi di contrattazione con le associazioni datoriali e quindi si occupano del lavoratore in un ambito differente rispetto a quello in cui si troverebbero all'interno del Consiglio Direttivo del Parco che ha funzioni del tutto estranee alle attivita' istituzionali tipiche dei sindacati."

" Infine - conclude poi Massimiliano Baldini - un solo rappresentante per tutte le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sarebbe insufficiente perche' non in grado di mediare fra le tante sensibilita' diverse di quegli organismi, a maggior ragione su tematiche cosi' delicate, e proprio per questo la Lega ha avanzato l'ipotesi di rimodulare la presenza di un delegato nel Consiglio Direttivo dei Parchi con la previsione di un parere obbligatorio ma non vincolante espresso dalle 3 organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative dei territori interessati dai parchi, sui temi e sulle decisioni relative alle competenze istituzionali delle organizzazioni stesse."
 

Responsabilità di contenuti e aggiornamenti a cura dei singoli gruppi consiliari e/o del Portavoce dell'opposizione