Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.
 


Siena, Pienza Cattedrale, Giovanni di Paolo "Madonna fra Santi"

 

Il dipinto di Giovanni di Paolo che raffigura la Madonna col Bambino, San Bernardino, Sant'Antonio Abate, San Francesco e Santa Sabina e nella lunetta Cristo in pietà, è racchiuso all'interno di una ricca cornice lignea intagliata e dorata ed è datato 1463, come compare sull'iscrizione in basso del pannello centrale. La pala è stata eseguita per uno dei sei altari fatti erigere da Pio II nella nuova cattedrale di Pienza, ornati dai più importanti pittori del tempo, quali Sano di Pietro, Matteo di Giovanni, Lorenzo di Pietro e Giovanni di Paolo. I dipinti, realizzati entro gli anni sessanta del Quattrocento, dovevano rispondere alle esigenze estetiche del nuovo stile architettonico del duomo, con cornici non più cuspidate ma "all'antica", ma il "visionario" Giovanni di Paolo stenta qui ad adeguarsi alla cultura rinascimentale prospettica sperimentata già da Vecchietta e da Matteo di Giovanni. Il dipinto è tuttavia uno dei capolavori del pittore, nell'astrazione delle figure "ritagliate" sul fondo dorato e nella drammatica immagine della Pietà nella lunetta, ambientata in un paesaggio brullo e lunare, memore delle crete senesi. L'intervento di restauro, oltre a consentire un complessivo controllo delle condizioni generali di conservazione della pellicola pittorica, del supporto ligneo e della cornice, potrà rendere possibile il pieno recupero delle qualità formali dell'opera e della pittura originale, offuscate da vecchi interventi.

Costo preventivato del restauro £ 45 milioni.