Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.


150° Anniversario dell'unità d'Italia  


Nata per ricordare una grande conquista di civiltà, l'abolizione della pena di morte avvenuta il 30 novembre del 1786 ad opera del Granduca Pietro Leopoldo, la Festa della Toscana rappresenta per la comunità un'occasione per interrogarsi e discutere sul nucleo dei valori civili da preservare, trasmettere e promuovere.
L'edizione 2010 ha in calendario una serie di manifestazioni ed eventi che anticipano le celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia. Con questa iniziativa il Consiglio regionale vuole offrire momenti di riflessione e di confronto sul ruolo e il contributo della Toscana nel processo di formazione dello stato unitario.

L‘edizione 2010 della Festa della Toscana anticipa, per scelta unanime del Consiglio regionale, le celebrazioni per il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia.
Un evento di straordinaria rilevanza ed un’occasione per vivificare il nostro essere comunità nel confronto con una modernità che vive con modalità complesse ed accelerazioni repentine.

Pur nelle difficoltà della finanza pubblica e nella volontà di contribuire alle politiche di risparmio a tutela dei servizi e delle prestazioni essenziali per i cittadini, il Consiglio regionale ha confermato l’impegno per la celebrazione di una Festa che è ormai patrimonio comune di tutti i toscani.
Anche quest’anno il nostro territorio ospiterà iniziative, momenti di riflessione, spettacoli, mostre e concerti che, in nome dei valori su cui la Festa si è costituita, avvieranno le celebrazioni del centocinquantesimo in Toscana.

Fondamentale, come sempre, sarà il contributo degli enti locali e di tante realtà associative, con le loro idee e proposte. La partecipazione ampia e convinta è un segno di riconoscimento per il patrimonio di civiltà e di diritti che la Toscana ha saputo creare, custodire e diffondere.
Una riflessione sulle vicende del Risorgimento e sul ruolo della Toscana, è anche l’occasione per ripercorrere varie “letture” sulle origini del nostro Stato nazionale, sulle tappe che, attraverso passaggi spesso drammatici, hanno condotto la nostra società fino all’approdo democratico della Costituzione repubblicana.
Sono gli elementi di un percorso che il 30 Novembre, nel ricordo della prima abolizione della pena capitale, avvenuta nel Granducato di Toscana nel 1786, trovano il loro momento unificante.

Buona Festa della Toscana e buon 150° Anniversario dell’Unità d’Italia!

 

Enrico Rossi
Presidente della Regione Toscana

Alberto Monaci
Presidente Consiglio Regionale della Toscana

 

Contenuto aggiornato al 20 dicembre 2017