Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.
 


Libertà è... ritmo, con i Tambours du Senegal, Billy Cobham e i Drums and Bugles dei Royal Marines School of Music”

 

I “Tambours du Senegal” sono uno dei maggiori gruppi etnici africani che si dedicano al settore percussioni. Si esibiscono in formazione di sei elementi ed il loro intervento comprende sia la parte ritmica, ispirata ai ritmi tribali dell’Africa Occidentale, che la parte coreografica, eseguita da due danzatrici in costume.
Billy Cobham non ha bisogno di molte presentazioni, essendo egli considerato uno dei più grandi percussionisti mai esistiti e sicuramente il maggiore esistente.Attivo nel campo della fusion e del jazz, Cobham, grazie alla particolare cultura musicale che lo contraddistingue, ha saputo miscelare i generi, unendo anche quella “raffinatezza” di suoni che lo mette in evidenza nel panorama percussionistico, ormai da più di venti anni di carriera. Al suo fianco, Tullio De Piscopo, il grande percussionista napoletano, cha apporta al gruppo di Cobham (in qualità di “guest star”) tutto l’impulso dell’area mediterranea.