Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.
 


Libertà è... coraggio, con le cornamuse e i tamburi dei 7 reggimenti scozzesi dell’esercito britannico in “Omaggio a Robert Burns”

 

"Freedom and Whisky Gaun Together": "La libertà ed il whisky vanno insieme". Questo il motto del più grande poeta scozzese, Robert Burns, il primo che, in una Scozia in mano alla classe intellettuale inglese, ebbe il coraggio di poetare e scrivere nella sua lingua, narrando le storie del popolo scozzese e non quelle dell’aristocrazia sassone e normanna. Robert “Rabbie” Burns morì troppo giovane ma la sua poesia e la sua prosa è così esaltante che ancora oggi i giovani scozzesi  trovano nelle sue opere punti di contatto. Burns si guadagnò la fama di “bardo di Scozia” poichè con i suoi versi interpretò motivi e marce suonate dalle cornamuse, voce  della Scozia.E proprio le cornamuse,i tamburi e i danzatori dei più famosi reggimenti dell’Esercito Britannico (Scots Guards, Black Watch, Royal Tank Regiment, Highlanders, Royals Scots Dragoon Guards) rievocheranno la lotta intellettuale di Burns per la libertà del suo popolo in una grande parata, dove musica e folklore si fondono. La disciplina militare e lo splendore delle coreografie e delle uniformi dell’Armata Reale Britannica si unisce alla voglia di libertà mai sopita nell’animo di ogni scozzese. 130 interpreti in marcia e poi in esecuzione statica, per rievocare la terra più romantica d’Europa, sempre più vicina alla sua definitiva libertà ed indipendenza.