Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.
 


Dizionario della libertà
 

Nel 1612 nasce a Firenze il Dizionario della lingua italiana, nel 2001 nasce a Firenze il Dizionario della libertà in occasione della Festa della Toscana.

L'iniziativa è frutto della collaborazione fra Accademia della Crusca e Consiglio regionale della Toscana e curato da due giovani poeti toscani: Alba Donati e Paolo Fabrizio Iacuzzi. Si tratta di un progetto che proprio nell'Anno europeo delle lingue, coinvolge 27 scrittori, poeti, sociologi, filosofi di tutta l’aerea europea, compresa l’ Europa del nord, dell’ est e il Mediterraneo.
Ad ogni scrittore invitato è stata affidata una lettera dell’alfabeto. Su di essa il letterato sceglie una parola affine al concetto di libertà e in base a tale incipit ne racconta la storia. Gli argomenti sono divisi in ceppi linguistici, dalle lingue nordiche a quelle slave orientali, dalle baltiche all’albanese, dall'arabo all'ebraico, dal francese al rumeno, in modo tale che ogni scrittore possa, raccontando una parola, descrivere anche la sua evoluzione o involuzione.
Le prime 11 voci sono state scelte sulla base della loro relazione con la libertà e sono stati gli scrittori stessi il primo dicembre 2001 a presentare il proprio lavoro. Tra le tante presenze ricordiamo: l'olandese Cees Nooteboom che ha scelto la parola ''leggere'', il poeta italiano Franco Cordelli ''torre'', lo scrittore svedese Lars Gustafsson ''enciclopedia'', il poeta greco Maro Duka ''pubblicita''' e  Abraham Yehoshua, che ha scelto la parola "lavoro". Una riflessione 'teorica' sul significato 'esistenziale' di liberta' e' stata affidata al poeta fiorentino Mario Luzi, considerato una delle massime voci liriche contemporanee. Il dizionario sara' stampato da un importante editore italiano nel 2002.

 

Roma.7 novembre 2001 Nencini presenta il Dizionario della Libertà al Presidente Ciampi

Roma.7 novembre 2001 Nencini presenta il Dizionario della Libertà al Presidente Ciampi

 

Roma. 7 novembre delegazione del Consiglio regionale della Toscana da Ciampi

Roma. 7 novembre delegazione del Consiglio regionale della Toscana da Ciampi

 

Immagine intera

Riferimenti

Settore Rappresentanza e relazioni esterne
Cinzia Sestini
  055 238 7285
Enza Gori 
055 238 7638
Elisabetta Severi  055 238 7568

Numero verde 800 401 291