Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Orizzonte degli eventi

Limiti da affrontare, superare e risolvere



Uno sguardo al passato e alle tradizioni consolidate che formano la storia e le radici della nostra regione, attraverso la lettura di alcuni testi di autori toscani che hanno aperto finestre sul nostro retaggio culturale: Pratolini, Luzi, Tabucchi. Proseguendo con una dedica ai due senegalesi Samp Modou e Diop Mor, uccisi nel 2011, per non dimenticare mai e restare vigili contro ogni tipo di razzismo: la lettura della "Lettera ai ragazzi di Firenze", scritta da Antonio Tabucchi in occasione della strage dei Georgofili.
Una formula che la performance intende riportare al suo originario significato di rispetto del mondo di cui siamo parte e di tutte le realtà che lo animano, ognuna con la propria identità, ma tutte convergenti verso una speranza che il futuro ci riservi una pace duratura e una ritrovata coscienza civile con l’abbattimento definitivo di tutte le barriere razziali e culturali. 


Mercoledì 25 febbraio 2015, ore 10.00
Teatro Cantiere Florida, Via Pisana 111r, Firenze
Ingresso libero
 

 

Contenuto aggiornato al 3 maggio 2018