Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0572


Ambiente: economia circolare, misure per intensificare raccolta plastica

Approvata una mozione per disincentivare l’utilizzo di articoli monouso e favorire il riciclo negli appalti pubblici. Il Consiglio si impegna a sostenere le amministrazioni comunali che mettano in campo azioni e campagne ‘plastic free’

 

di Camilla Marotti, 14 maggio 2019

 

Attuare quanto contenuto nella ‘Strategia europea per la plastica nell’economia circolare’ della Commissione europea e nelle campagne lanciate dal Ministero dell’ambiente. È quanto chiede la mozione, primo firmatario il consigliere Antonio Mazzeo, sottoscritta anche da Leonardo Marras, Monia Monni, Fiammetta Capirossi, Marco Niccolai, Stefano Scaramelli, Gianni Anselmi, Elisabetta Meucci, Lucia De Robertis e Massimo Baldi.  Il testo è stato emendato su iniziativa di Giacomo Giannarelli con i riferimenti all’azione del Ministero dell’Ambiente.
 
La Giunta è impegnata a disincentivare all’interno del territorio regionale l’utilizzo di plastica monouso, continuare le azioni per intensificare la raccolta differenziata della plastica, favorire l’utilizzo di plastica riciclata, anche negli appalti pubblici. 
 
All’interno di queste misure generali, il governo regionale è chiamato a valutare con particolare attenzione l’elaborazione di un progetto pilota dedicato alla Costa Toscana, con l’obiettivo di una progressiva riduzione, fino all’eliminazione totale, dell’utilizzo di plastica monouso nelle aree demaniali marittime, da realizzare attraverso il coinvolgimento di tutti i soggetti pubblici e privati interessati, a partire dai Comuni costieri toscani.
 
La Giunta deve quindi attivarsi per rafforzare le azioni finalizzate a favorire, negli appalti di servizi stipulati ed eseguiti sul territorio regionale, l’utilizzo di stoviglie biodegradabili o riutilizzabili nelle mense delle scuole o comunque nelle strutture direttamente o indirettamente gestite dalla Regione.
 
Anche il Consiglio regionale si impegna a sostenere le amministrazioni comunali che mettano in campo azioni e campagne ‘plastic free’, anche utilizzando parte degli avanzi di esercizio 2017.
 
Nel testo, così come emendato, si richiama la Strategia europea e le campagne lanciate recentemente dal Ministro dell’Ambiente Costa e denominate ‘Io sono ambiente’ e ‘Plastic free challenge’, campagne volte a sensibilizzare ulteriormente in merito alla necessità di liberarsi della plastica.
 
Tra i dati citati da Mazzeo in apertura dell’illustrazione, i numeri forniti dalla Commissione europea: la produzione di plastica è aumentata 20 volte rispetto agli anni ’60 del secolo scorso, raggiungendo 322 milioni di tonnellate nel 2015, e nei prossimi 20 anni dovrebbe raddoppiare. Soltanto in Europa, ogni anno vengono generati circa 25 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, e di questi solo il 30 per cento (il 41 per cento in Italia) finisce nel circuito del riciclo.
 
Ancora più allarmante la situazione dei mari, dove le materie plastiche costituiscono i componenti inquinanti principali dei rifiuti marini: circa 8milioni di tonnellate all’anno di materie plastiche vengono trovate lungo le coste, dalla superficie del mare e sul fondo dell’oceano.
   
Stefano Baccelliha segnalato un’esperienza molto virtuosa in Toscana: ‘Arcipelago pulito’, progetto recepito anche in sede europea. 
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi