Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0595


Arpat: via libera a nomina nuovo direttore generale, è Maria Sargentini

Subentra a Giovanni Barca. La commissione Ambiente guidata da Stefano Baccelli (Pd) esprime parere favorevole a maggioranza, astenuti Lega e Fratelli d’Italia

 

30 luglio 2015

 

Firenze – Sarà Maria Sargentini, già direttore generale del Governo del territorio della Regione Toscana e con alle spalle incarichi di alto livello per la tutela della costa e la riqualificazione del paesaggio, il nuovo direttore generale di Arpat (Agenzia regionale di protezione ambientale della Toscana). La commissione Territorio, Ambiente, Mobilità, Infrastrutture del Consiglio, guidata da Stefano Baccelli (Pd), ha infatti espresso parere favorevole a maggioranza alla proposta di nomina del presidente della Giunta Enrico Rossi. Si sono astenuti i gruppi Lega Nord e Fratelli d’Italia.
Sargentini, classe 1953, una laurea in scienze geologiche, lavora in Regione dal 1995 ed è persona di “grande esperienza con una straordinaria conoscenza del territorio toscano”, ha rilevato il presidente Baccelli.
Giudizio positivo al curriculum e alle capacità sono arrivate dal vicepresidente della commissione Giacomo Giannarelli (M5S) che ha comunque vincolato il parere favorevole ad un “impegno di indirizzo” di Arpat più virtuoso anche in tema di utilizzo di risorse tecnologiche sostenibili ed innovative. Proposta peraltro accolta da Lucia DeRobertis (Pd), vicepresidente del Consiglio, che anzi ha suggerito una “seduta specifica per capire quali sono le innovazioni tecnologiche da utilizzare, e non solo per Arpat”. “Coniugare risparmio, ottimizzazione e rispetto dell’ambiente deve essere un percorso da seguire a tutto campo”.
Parole di elogio per una “esperienza che viene da lontano e che non si è mai fermata” per le “capacità, di grande efficienza, acquisita sul campo” e di “mediazione” come quella dimostrata nel caso del naufragio della Costa Concordia all’Isola del Giglio avvenuto il 13 gennaio 2012, sono arrivate da Elisabetta Meucci (Pd), dal vicepresidente segretario della commissione Francesco Gazzetti (Pd) e da Tommaso Fattori (Sì-Toscana a Sinistra).
I consiglieri Giovanni Donzelli (Fratelli d’Italia) e Elisa Montemagni (Lega Nord) hanno motivato la loro astensione, perché la “proposta arriva dal presidente della Giunta che non ha la mia fiducia” ha dichiarato Donzelli. La consigliera Montemagni ha ravvisato la “necessità, nonostante un curriculum di tutto rispetto, di prendersi del tempo per valutare l’operato della persona”.
Maria Sargentini subentra al dimissionario Giovanni Barca che ha lasciato l’incarico di direttore generale di Arpat lo scorso 1 luglio. Barca ha guidato l’Agenzia per circa quattro anni, dal marzo del 2011. (f.cio)
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi