Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine e di fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per informazioni sui cookie dei siti di Regione Toscana e su come eventualmente disabilitarli, leggi le  Cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque altro link nella pagina acconsenti all'uso dei cookie.

Autorità regionale per la garanzia e promozione della Partecipazione



L’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione è l’organismo cui la legge regionale  46 del 2013 (“Dibattito pubblico regionale e promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali”) affida il compito di promuovere la  partecipazione dei cittadini nei processi di costruzione delle politiche regionali e locali, un aspetto dell’ordinamento toscano sancito dallo Statuto regionale.

Le finalità di tale azione sono richiamate dall’articolo 1 della legge: l’obiettivo è “contribuire a rinnovare la democrazia e le sue istituzioni integrando la loro azione con pratiche, processi e strumenti di democrazia partecipativa”, e concorrere in tal modo alla creazione di “una più elevata coesione sociale, attraverso la diffusione della cultura della partecipazione e la valorizzazione di tutte le forme di impegno civico, dei saperi e delle competenze diffuse nella società”.

Ta gli altri obiettivi: rafforzare, attraverso la partecipazione, la capacità di costruzione, definizione ed elaborazione delle politiche pubbliche; promuovere la partecipazione come forma ordinaria di amministrazione e di governo; creare e favorire nuove forme di scambio e di comunicazione tra le istituzioni e la società; valorizzare i saperi diffusi e le competenze presenti nella società, anche dando voce a interessi diffusi e poco rappresentati; valorizzare e diffondere le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione come strumenti al servizio della partecipazione democratica dei cittadini.

La legge regionale 46 del 2013 modifica la natura e la struttura dell’organismo previsto dalla normativa precedente. La nuova Autorità non è più un organo monocratico, ma collegiale: è composto da tre persone nominate dal Consiglio regionale.

In evidenza

 

Prossima Scadenza
presentazione
domande:
  30 settembre 2016

Essendo state apportate alcune piccole modifiche ai criteri di presentazione della rendicontazione economica Preghiamo coloro che  stanno concludendo la realizzazione dei processi di prendere visione delle Linee - Guida e Struttura Modello per la stesura della Relazione Finale