Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Consiglio delle autonomie locali


Pareri della Corte dei Conti

anno: 2017


Delibera 36/2017/Par

Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Abetone, inerente l’interpretazione della disposizione di cui al comma 229 della legge n. 208 del 2015 (legge di stabilità per l’anno 2016) a tenore della quale “A decorrere dall'anno 2016, fermi restando i vincoli generali sulla spesa di personale, i comuni istituiti a decorrere dall 'anno 2011 a seguito di fusione nonche' le unioni di comuni possono procedere ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite del 100 per cento della spesa relativa al personale di ruolo cessato dal servizio nell'anno precedente”. Con decorrenza 2017 si attuerà il processo di fusione con il Comune contermine di Cutigliano. Inammissibile.

Delibera 59/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Larciano, avente ad oggetto l’interpretazione dell’art. 1 comma 236 della L. 208 del 28 dicembre 2015. In particolare, l’ente chiede se: 1. il limite del trattamento economico accessorio di cui alla legge n. 208/2015, art. 1, comma 236, si applica anche all’indennità di posizione ed alla retribuzione di risultato erogate ai titolari di posizione organizzativa e finanziate con risorse a carico del bilancio dell’ente; 2. tale limite va verificato direttamente per il fondo delle risorse decentrate e per l’indennità di posizione e risultato oppure se è sufficiente il rispetto del limite nel complesso di. tali risorse (fondo risorse decentrate più posizione e risultato); 3. per il calcolo di tale limite l’ente “B” possa portare in diminuzione l’importo rimborsatogli dall’ente “A” a titolo di indennità di posizione e retribuzione di risultato e se pertanto l’ente "A”, per il calcolo di tale limite, debba tenere conto dell’importo che rimborsa all’ente “B”; 4. il confronto fra il fondo per indennità di retribuzione e risultato dell’anno 2015 e quello previsto per l’anno 2016 debba essere effettuato sulla spesa effettivamente sostenuta o su quella annualizzata.

Delibera 135/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Collesalvetti in merito ad una complessa vicenda gestionale avente ad oggetto una società partecipata dal medesimo comune, la Biscottino S.r.l. Se è possibile, per il comune, esercitare il diritto di voto in assemblea ?no al momento della effettiva liquidazione della quota, nel rispetto del principio di correttezza e buona fede al solo fine di tutelare l’interesse pubblico alla conclusione della procedura di liquidazione e solo per le decisioni assembleari che hanno rilievo a tal fine; e come determinare correttamente il valore di liquidazione delle azioni qualora l’assemblea della società continuasse a rimanere inerte anche dinanzi alla richiesta del comune di individuare misure alternative al recesso, e l’ente si vedesse quindi costretto ad agire in giudizio nei confronti della società; infine quali siano le corrette procedure e i criteri per la determinazione del valore della quota del comune qualora l’ente, in caso di ulteriore inerzia della società, intendesse attivare la procedura di collocamento presso terzi disciplinata dall’art. 2437-quater del c.c. Inammissibile.

Delibera 136/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Livorno chiede un parere in merito alla possibilità di procedere, da parte della società AAMPS, partecipata al 100% dal medesimo Comune e affidataria del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, all’assunzione di circa 40 persone da destinare alla raccolta porta a porta in tutta la città, entro il 2017. Inammissibile.

Delibera 98/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Arezzo, avente ad oggetto l’interpretazione dell’art. 4, comma 1 decreto legge 6 marzo 2014, n. 16. Di conoscere la portata interpretativa di cui all'art. 4, comma 1 decreto-legge 16/14, nel combinato disposto sia con le disposizioni che fissano i limiti alla costituzione dei fondi nella contrattazione collettiva di comparto, sia che siffatti limiti derivino da fonti legislativa art. 9, comma 2-bis dl. 78/2010, art. 76, comma 7, d.l. 112/2008, abrogato dall’art. 3, comma 5, dl. 90/2014, art. 1,  commi 557 e 562 L. 296/2000 ed in particolare, se sia possibile, in sede di ridefinizione dei fondi da parte del dirigente competente inserire, quali importi in aggiunta il differenziale delle progressioni conomiche orizzontali. L’ente possa procedere al recupero delle somme erogate in eccesso attraverso l’applicazione dell’art. 4, comma 2, DL 16/14 e art. 1 comma 226 L 208/15.

Delibera 110/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Montecatini avente ad oggetto l’interpretazione dell’art. 12, comma l-ter, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, ed in particolare se l’applicazione della prima parte della norma che al fine di conseguire ulteriori risparmi di spesa consente agli enti locali l’acquisto di immobili possa essere esclusa nelle seguenti ipotesi: Allorquando l’acquisto dell’immobile venga effettuato con contributi di terzi costituendo pertanto l’acquisto un’operazione finanziariamente neutra. Allorquando l’acquisto dell’immobile venga effettuato in attuazione di un più ampio progetto teso alla valorizzazione dell’economia turistica e dello sviluppo del territorio e sia finanziato con risorse aggiuntive, di cui all’art. 4 del decreto legislativo 31maggio 2011, n. 88, che già l’art. 12, comma 1-sexies decreto-legge n. 98/2011 escludeva dal divieto di acquisto di immobili per l’anno 2013 di cui al comma 1-quater, in quanto operazioni di acquisto previste in attuazione di piani “realizzati al ?ne di promuovere lo sviluppo economico e la coesione sociale e territoriale e ?nanziati con risorse aggiuntive.

Delibera 124/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del comune di Castiglion della Pescaia chiede di sapere se è possibile determinare il fondo 2016 prendendo a riferimento quello 2015 rappresentando che, in caso contrario, verrebbe pregiudicata la possibilità di riconoscere al personale dipendente risorse aggiuntive ex art.15 CCNL 1.4.1999 negli anni a venire, ai quali verrebbe di fatto estesa la penalizzazione derivante dal mancato rispetto del patto nel 2015.

Delibera 125/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Calcinaia (Pi), avente ad oggetto operazione di lease-back, con contesuale estinzione anticipata di un mutuo, con l'Inail, se configuri una fattispecie di pareggio di bilancio ed inoltre se sia ipotizzabile il danno erariale. Inammissibile.

Delibera 126/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Crespina Lorenzana (Pi) in merito all'obbligo di versare a GAL Etruria (società consortile a r.l. costituita ex art.2615-ter c.c.) avente lo scopo di perseguire le finalità di sviluppo locale previste dalle iniziative comunitarie nelle provincie di Pisa e Livorno) oneri consortili deliberati dai soci al fine di chiudere positivamente i bilanci 2013 e 2014.

Delibera 127/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Crespina Lorenzana (Pi) relativamente alla corretta interpretazione dell'art.84 comma 3 del d.lgs. 267/2000: se sia possibile "effettuare una ricognizione caso per caso dei presupposti della «necessaria presenza» senza la quale in giorni diversi da quelli in cui sono programmate le riunioni di Consiglio o di Giunta non è legittimo procedere al rimborso delle spese sostenute". E ove detta ricognizione sia ammissibile di conoscere "il soggetto competente ad effettuarla ed i criteri di valutazione", in particolare "a chi spetti e come individuare e qualificare un preesistente obbligo giuridico...". Inoltre se ciò possa essere oggetto di autodichiarazione dell'interessato. Infine se, in base all'art.51 della Costituzione, alcune ipotesi specificamente indicate nella richiesta possano essere, ai fini del rimborso delle spese di viaggio, considerate quale presenza obbligatoria degli amministratori presso la sede comunale ove ne sia data idonea preventiva pubblicità.
 
Delibera 130/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Presidente della Provincia di Prato in merito alla possibilità di utilizzare, nell'ambito eel fondo per le risorse decentrate, gli istituti non soggetti al rispetto dell'art.9 Dl 78/2010.

Delibera 131/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Marciana Marina (Li), avente ad oggetto la possibilità di utilizzare, ai fini del calcolo del turn over, le cessazioni dal servizio intervenute nel triennio 2008/2010. Inammissibile.

Delibera 152/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Pisa, avente ad oggetto il gettone di presenza per gli amministratori art.82 Tuel. Inammissibile.

Delibera 153/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Pontedera (Pi) in merito alla decorrenza del Peo (posizioni organizzative orizzontali). Inammissibile.

Delibera 161/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Pontassieve (Fi) in merito alla possibilità di assegnare risorse, tramite un bando, a titolo di anticipo del risarcimento dovuto a titolari di attività commerciali danneggiati da eventi atmosferici di natura straordinaria. Inammissibile.

Delibera 162/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Monteriggioni (Si) in merito alla rimborsabilità delle spese legali sostenute da dipendenti e amministratori che si sono trovati coinvolti in procedimenti penali in conseguenza di fatti ed atti commessi nell'espletamento del servizio o con l'assolvimento degli obblighi istituzionali. Inammissibile.

Delibera 163/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Lucca in merito al rimborso delle spese legali sostenute da un dipendente per la propria difesa in giudizio. Inammissibile.

Delibera 164/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Livorno relativamente al calcolo delle facoltà assunzionali per il personale di Polizia locale.

Delibera 165/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Colle Val d'Elsa relativamente ai piani di razionalizzazione triennale e alle possibilità di utilizzo dei risparmi "strutturali" conseguiti per una quota con la finalità di premiare il personale direttamente coinvolto, o per l'intero a compensazione delle somme da recuperare di cui al primo periodo del comma 1, art.4 D.l.16/2014.

Delibera 166/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Camaiore (Lu) relativamente al pagamento del compenso degli avvocati che hanno difeso il comune in giudizio.Inammissibile.

Delibera 176/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Capoliveri (Li) relativamente al fatto relativamente al fatto se è possibile riconoscere un aggio per i soggetti che materialmente incassano tale contributo, con specifico riferimento ai costi sostenuti nei confronti del sistema bancario per le transazioni con carta di credito, per i costi di rendicontazione e per i rischi di insoluti, analogamente a quanto accade per i soggetti operanti come strutture recettive per la riscossione dell'imposta di soggiorno.

Delibera 177/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Collesalvetti se possa approvare ora — con efficacia retroattiva — il regolamento ex art. 93 comma 7 bis cit. e corrispondere l'incentivo per le attività svolte dai dipendenti nel periodo dall'entrata in vigore dell'art. 13 bis del DL 90/2014 fino all'entrata in vigore del D. Lgs. 50/2016.

Delibera 178/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Porto Azzurro (Li) relativa alla urgente ed irrimandabile individuazione di una figura esterna, in possesso dei requisiti di legge e, in particolare, di Laurea in Architettura/ qualificazione in Urbanistica, cui conferire la Responsabilità dell'Area Urbanistica/ Edilizia Privata, attivando le procedure di cui all'Art. 110, comma 1 e seguenti, del D.Lgs. 26712000 e con stipula di contratto part- time a tempo determinato ( 50% dell'orario di lavoro).

Delibera 179/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Montopoli Valdarno in ordine alla corretta interpretazione dell'art.30 del d.lgs. 26712000 In particolare sulla corretta imputazione delle spese di personale tra i due enti coinvolti con riferimento alla possibile ipotesi di gestione in forma associata con ente limitrofo del Comando e di alcuni servizi di Polizia locale.

Delibera 180/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Castelfranco di Sotto relativa alla indennità di carica dell'amministratore unico di un'azienda speciale servizi pubblici locali. In particolare, l'ente - premesso che l'art.26 dello Statuto dell'azienda, approvato con delibera C.C. 31.7.2017, stabilisce che il compenso "può essere previsto nel rispetto delle disposizioni di legge" previa delibera del C.C., e che vengono in rilievo l'art.6 co.2 DL n.78/2010 (che escluderebbe la corresponsione dell'indennità) e l'art.1 co.554 L. n.147/2013 (che invece la consentirebbe stabilendone la riduzione in caso di tre risultati d'esercizio negativi) - se sia possibile corrispondere all'Amministratore unico dell'azienda speciale di cui trattasi una indennità di carica.

Delibera 186/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco della Citta Metropolitana di Firenze relativo alla disciplina inerente la corresponsione degli incentivi per funzioni tecniche ai sensi dell'art. 113 del D. Lgs. n. 50/2016.

Delibera 187/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco di Coreglia Antelminelli (Lu) per conoscere se sia possibile - senza incorrere in violazioni delle norme di contabilità pubblica e di danno erariale — consentire l'adempimento di debiti relativi ad entrate comunali corrispondenti a residui attivi di bilancio mediante l'effettuazione di un'attività sostitutiva del pagamento riconducibile ad una delle attività sussidiarie contemplate dall'art. 24 del d.l.133 del 2014 sopra richiamato: misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione dei territori.

Delibera 188/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Forte dei Marmi che chiede di sapere se, in forza delle vigenti nonne di contabilità pubblica, l'acquisto di un complesso immobiliare degradato, insistente nel centro del paese, al fine di demolirlo e di realizzare al suo posto una pubblica piazza pedonale dotata di panchine, aiuole e arredi urbani, possa configurare, in linea generale, profili di danno erariale.

Delibera 192/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Follonica riguardante il fatto che essendo titolare al 100% di ex Azienda Municipalizzata (farmacia comunale) che assunse nel 1995, ex d.l. n.726/1984(Ufficio di collocamento) con contratto di formazione-lavoro per 12 mesi poi trasformato, un dipendente che oggi è inquadrato come A2 del contratto Assofarm; e di sapere se il dipendente possa partecipare a procedura di mobilità comunale ex art.30 Tulp; oltre al fatto se l'amministrazione comunale rientri o meno nel novero delle amministrazioni tra cui è esperibile la mobilità ex art.30 ritenendosi fatta a mezzo procedura selettiva pubblica nel rispetto dell'art.97 della Costituzione, considerando che la procedura di assunzione tramite Ufficio di collocamento è utilizzata anche dal Comune per il personale di determinate categorie.

Delibera 193/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di San Giuliano Terme (Pi) per sapere se sia possibile erogare, a favore dei dirigenti nominati dall'amministrazione rimasta in carica fino alla scadenza del mandato (e sostituita dalla nuova, risultante dalle elezioni 2014) relativamente al periodo 1.1.-23.7.2014 (data, quest'ultima, di cessazione delle funzioni), la retribuzione di risultato.

Delibera 194/2017/Par
Richiesta di parere formulata dal Sindaco del Comune di Pisa in merito all'evoluzione normativa relativa alla disciplina del gettone di presenza previsto per gli amministratori locali dall'art.82 Tuel, e sull'art.25 l. n.244/2007 (legge finanziaria 2008) che ha eliminato la possibilità di deliberare incrementi nella misura del gettone stesso mirante a sapere: quale debba essere considerato l'importo corretto del gettone per gli anni  2006/2013 e in particolare se i consiglieri possano continuare a percepire legittimamente il gettone nella misura superiore deliberata prima della l.n.244/2007.