Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

Contadini, fiascaie, guardie e sacerdoti. Vita e società nella Toscana centrale fra Ottocento e Novecento

presentazione del libro di Stefano Romagnoli
mercoledì 20 luglio 2022, ore 16.30
sala Gonfalone, palazzo del Pegaso

programma

Comunicato stampa

Il libro si propone di ricostruire la vita dei ceti popolari nell’area empolese e nel medio Valdarno a cavallo fra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX. La struttura di questo lavoro si articola in due sezioni, una dedicata alla ricostruzione del sistema economico locale, la seconda incentrata sulle condizioni di vita e la vita sociale e relazionale. La prima sezione parte dai dati sulla popolazione attraverso i censimenti 1861-1921 per provare, successivamente, a ricostruire il tessuto industriale e artigianale del territorio e, nel terzo capitolo, disegnare la struttura delle campagne e il rapporto di conduzione mezzadrile. Nella seconda sezione vengono evidenziate le condizioni materiali di vita (condizioni di lavoro, sanitarie, scolastiche, abitative ecc) e i problemi legati ad una vita sociale e a rapporti interpersonali spesso giocati sul filo della diffidenza e della violenza. 
note tratte da un testo dei curatori

E' possibile seguire l’evento anche per via telematica in diretta streaming sul sito istituzionale www.consiglio.regione.toscana.it, sulla pagina facebook e sul canale youtube del Consiglio regionale.

L’accesso all’iniziativa è gratuito e sarà contingentato ai sensi della normativa volta al contenimento della diffusione del contagio da Covid-19.