Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

 

 

Lelio Lagorio, lo statista e l’intellettuale

convegno
venerdì 9 novembre 2018, ore 9.30
sala del Gonfalone, palazzo del Pegaso

programma

Il convegno è stato organizzato in collaborazione con la Fondazione di Studi Storici “Filippo Turati”.

Nell’occasione sarà possibile visionare una selezione di libri e documenti riguardanti l’attività politica e istituzionale di Lelio Lagorio.

Lelio Lagorio è nato a Trieste il 9 novembre 1925 ed è morto a Firenze il 6 gennaio 2017.  
Laureato in giurisprudenza, è stato allievo e assistente di Piero Calamandrei e ha esercitato la professione di avvocato e di giornalista.
E' stato vicepresidente dell'amministrazione provinciale di Firenze dal 1960 al 1964, sindaco di Firenze nel 1965, succedendo a Giorgio La Pira, e vicesindaco dal 1966 al 1969.
E' stato presidente del comitato regionale per la programmazione economica dal 1965 al 1970, segretario provinciale del Partito Socialiata Italiano di Firenze, poi segretario regionale, ed è stato eletto membro nel 1968 del Comitato centrale e nel 1970 della Direzione nazionale.
Nel 1970 viene eletto alle consultazioni regionali ed è stato il primo presidente della Regione Toscana, fino al 1978. Nello stesso anno è anche stato nominato Cavaliere di Gran Croce della Repubblica Italiana.
E' stato eletto per nove volte in Parlamento.
Ministro della Difesa, dal 1980 al 1983, è stato poi ministro del Turismo e dello Spettacolo, dal 1983 al 1986. Successivamente è stato capogruppo del Psi alla Camera e al Parlamento europeo.
E' stato il primo socialista italiano eletto vicepresidente dell'Unione dei partiti socialisti della Comunità Europea, dal 1990 al 1992.
Le carte di Lagorio sono state dichiarate di notevole interesse storico dal Ministero dei Beni Culturali e sono depositate presso la Fondazione di Studi Storici "Filippo Turati" di Firenze.

note tratte da un testo dei curatori

 Comunicato stampa