Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Il giorno della Memoria 2014

 


24 gennaio, ore 17, Palazzo Bastogi, Sala delle Collezioni, via Cavour 18
Presentazione del volume “Era ancora un ragazzo”, Edizioni Giuntina, a cura di Massimo Settimelli.
Intervengono: Daniela Lastri, consigliera regionale dell’Ufficio di Presidenza,Vanessa Boretti, Giovanni Di Fede, Alessio Ducci, Daniel Vogelmann. Sarà presente l’autore.

27 gennaio, ore 10.30, Teatro Quaranthana, teatro comunale di San Miniato
"21569" Diario di una deportazione"
Spettacolo teatrale tratto dal diario di Italo Geloni, patigiano e deportato, dal titolo "Ho fatto solo il mio dovere"

27 gennaio, ore 11.30, Palazzo Panciatichi, via Cavour 2
Seduta solenne del Consiglio regionale della Toscana
Intervengono: Alberto Monaci, presidente del Consiglio regionale della Toscana; Liliana Picciotto, storica del Centro documentazione ebraica contemporanea di Milano; Perla Levy Calò, testimone; Joseph Levi, rabbino capo Comunità ebraica di Firenze; Enrico Rossi, presidente della Giunta regionale Toscana.
 

27 gennaio, ore 20.30, Teatro Comunale, Corso Italia 16, Firenze
“L’arte al servizio della propaganda  - La musica degenerata”, concerto per il Giorno della Memoria a cura dell’Associazione Italia-Israele di Firenze, in collaborazione con il Teatro del Maggio musicale di Firenze, l’Ambasciata di Israele in Italia, la Comunità ebraica di Firenze ed il Centro studi Valdarno Cultura. Ingresso libero.
Per il programma completo www.maggiofiorentino.it
 

7 febbraio, ore 17, Palazzo Panciatichi, via Cavour 2
Presentazione del volume “Perché il silenzio non sia più silenzio. Dino Francini, deportato a Mauthausen, nel ricordo della figlia”, di Gabriella Nocentini.
Intervengono: Daniela Lastri, consigliera regionale, Ufficio di presidenza; Valdo Spini, presidente Fondazione Circolo Fratelli Rosselli; Marco Romagnoli, presidente Fondazione Museo della deportazione e Resistenza di Prato; Camilla Brunelli, direttrice Fondazione Museo della deportazione e Resistenza di Prato.
Saranno presenti l’autrice e Renata Francini, figlia di Dino. La presentazione è promossa in collaborazione con la Fondazione Museo della deportazione e Resistenza di Prato.
 

13 febbraio, Pisa, Teatro Lux, piazza Santa Caterina 6, ore 18
Performance teatrale “Piccola anatomia di un genocidio – Auschwitz e oltre”, tratta dall’omonimo libro di Niccolò Rinaldi con lettura di testi, accompagnamento musicale e immagini.
Sarà presente l'autore.
Interventi
Guido Cava, Presidente della Comunità Ebraica di Pisa
Maria Luisa Chincarini, consigliere regionale
Performance teatrale di Niccolò Rinaldi e Alessio Sardelli
Musiche e video di Claudio Boncompagni
Assistenza tecnica di Massimo Carotti 
 

20 marzo, ore 16.30, Palazzo Capponi-Covoni, Sala Gigli, via Cavour 4
Presentazione del volume II, “Deportati italiani a Berlino e nel Brandeburgo 1943-45” (AltrItalia, 2013), a cura di Bodo Förster e Gianfranco Ceccanei
Interviene Giuliano Fedeli, vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana.
Saranno presenti gli autori.
 

26 marzo, Palazzo Bastogi, Sala delle Feste, via Cavour 18
Spettacolo-laboratorio "La Zona Grigia - un esperimento di memoria attiva", ispirato al testo "I sommersi e i salvati" di Primo Levi, a cura di Enrica Sangiovanni, Gianluca Guidotti, Archivio Zeta. Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con la Scuola di Pace di Monte Sole.
Saluto di Giuliano Fedeli, vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana.
Ore 10.30-12.30 - replica per le scuole
Ore 16-18 - replica per gli adulti
Il laboratorio è gratuito. Prenotazione obbligatoria sul sito www.archiviozeta.eu

Contenuto aggiornato al 22 dicembre 2017