Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Edizioni dell'Assemblea 196

TitoloFirenze dà i numeri
AutoreMaria Venturi
SezioneRes publica
Formato17x24
Pagine513
Anno2019
ISBN978-88-85617-53-7
Testo
AbstractChe significato hanno quei numeri che vediamo dipinti o incisi negli stipiti di alcuni palazzi del centro di Firenze accanto agli attuali numeri civici? Sono tutto ciò che rimane della prima numerazione che contrassegnò gli stabili della città. Furono i governanti francesi nel 1809, all’inizio del breve periodo in cui Firenze e la Toscana fecero parte dell’Impero napoleonico, a marchiare in progressione da 1 a 8028 gli edifici di una città che con le sue mille vie e viuzze, vicoli e piazzette era risultata per loro un’invivibile giungla. E fino a quel momento come ci si era orientati? Come fu gestita la rivoluzionaria operazione? Come furono distribuiti i numeri? Perché è importante oggi conoscere questo sistema? Il volume risponde a queste domande, ripercorrendo le trasformazioni della società a partire dal Trecento, ricostruendo l’operato dei nuovi amministratori, facendo rivivere grazie all’identificazione del numero civico realtà di Firenze altrimenti scomparse.

Seleziona volumi EdA

Ricerca libera

Numero volume

Sezioni 

Anno