Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1029


Solidarietà: ristorante Cà Moro (LI), esperienza da difendere

Unanimità in Aula sulla mozione, primo firmatario Francesco Gazzetti (Pd), che impegna l’esecutivo regionale a sostenere questi progetti

 

di Sandro Bartoli e Paola Scuffi, 13 ottobre 2021

 

Unanimità in Aula sulla mozione del partito democratico – primo firmatario Francesco Gazzetti - in merito all'affondamento del ristorante galleggiante "Cà Moro", a Livorno, avvenuto il 20 agosto scorso. Una vicenda che “mette a repentaglio la continuità di un progetto sociale virtuoso”, ormai da anni “una solida realtà” dove lavoravano “stabilmente come camerieri molti soci lavoratori svantaggiati” della cooperativa sociale ‘Parco del Mulino’, insieme ad altro personale “tra cui cuoca, aiuto cuoco e altri due camerieri”.
 
L’affondamento del peschereccio sul quale era stato allestito il Cà Moro, ristorante galleggiante della città labronica,  ha portato i consiglieri del Partito democratico (il primo firmatario insieme a Vincenzo Ceccarelli, Lucia De Robertis, Andrea Vannucci, Andrea Pieroni) a presentare una mozione per sottolineare come
 
il Consiglio regionale ritenga “doveroso” assicurare sostegno a tutte le iniziative per la ripresa di questo “progetto sociale di inserimento lavorativo di ragazze e ragazzi”. Per esprimere “vicinanza e solidarietà alle ragazze ed ai ragazzi del ‘Cà Moro’ di Livorno e a tutti i soggetti coinvolti in questa esperienza, la cui valenza rappresenta un bene prezioso da preservare”; impegnando “ad attivarsi per valorizzare e supportare questa esperienza nelle forme e nelle modalità che potranno essere individuate, anche con l'eventuale utilizzo di specifiche risorse di bilancio del Consiglio regionale”. L’atto, infine, impegna l’esecutivo regionale “a valutare contestualmente, ogni tipo di iniziativa a supporto e sostegno di progetti come quello del ‘Cà Moro’, visti come buone pratiche cui dare continuità”.
 
Nell’illustrare la mozione in aula, esprimendo “vicinanza al personale del ristorante e plauso per l’esperienza”, Gazzetti ha ringraziato il presidente della Giunta Eugenio Giani, il presidente del Consiglio Antonio Mazzeo, gli assessori Alessandra Nardini e Monia Monni, per essersi spesi a favore di un progetto cui dare continuità.
 
L’atto, come ricordato, è stato sottoscritto anche da Jacopo Melio (Pd), e dai consiglieri, intervenuti in aula, Diego Petrucci (FdI) e Irene Galletti (M5S), che hanno “votato convintamente a favore”, parlando di “esperienza bellissima, positiva e di spessore, che ricade su tutto il territorio”.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi