Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0469


Covid-19: commissione Sanità, concludere quanto prima vaccinazione degli estremamente vulnerabili

Approvata una proposta di risoluzione che invita anche all’utilizzo dei farmaci anti-infiammatori nella cura domiciliare dei pazienti, e a criteri meno stretti per l’utilizzo degli anticorpi monoclonali

 

di Cecilia Meli, 29 aprile 2021

 

La commissione Sanità, presieduta da Enrico Sostegni (Pd), ha approvato una proposta di risoluzione che fornisce indirizzi su alcuni aspetti concernenti la campagna di vaccinazione e il sistema di cura dei malati di Covid-19. L’atto è stato approvato con il voto favorevole dalla maggioranza presente, mentre le opposizioni non hanno partecipato al voto ripromettendosi di portare una serie di emendamenti in aula, dove l’atto approderà per il voto finale nella prossima seduta. “Abbiamo voluto dare alcuni indirizzi alla Giunta regionale su temi che ci sembrano particolarmente rilevanti – ha commentato Enrico Sostegni -, dopo gli aggiornamenti settimanali che facciamo con l’assessore e una serie di audizioni tenute in Commissione”.
 
La proposta di risoluzione impegna la Giunta regionale a proseguire con sempre maggior intensità la campagna di vaccinazione, prestando particolare attenzione, in parallelo al completamento degli ultra 80enni, anche a concludere quanto prima la vaccinazione delle persone estremamente vulnerabili e dei loro caregiver e familiari. In particolare, impegna la Giunta a completare la vaccinazione di tali categorie “valutando anche il supporto operativo dei medici di medicina generale e mettendo in atto un sistema di prenotazione semplice e intuitivo, evitando il ricorso di nuovi click-day, alla luce delle garanzie offerte dal Governo in merito ad una fornitura di dosi vaccinali maggiore e più regolare”.
 
Per quanto riguarda invece la cura, si punta l’attenzione sulle prime cure del paziente a domicilio utilizzando gli antinfiammatori e sugli anticorpi monoclonali. Si impegna la Giunta ad attivarsi, se necessario anche sollecitando la predisposizione di linee guida nazionali, “per la definizione di protocolli unici per la gestione domiciliare dei pazienti Covid, tenendo conto delle prime evidenze scientifiche che suggeriscono l’utilizzo di farmaci antinfiammatori non steroidei o l’acido acetilsalicilico, rispetto all’uso del comune paracetamolo”. Sugli anticorpi monoclonali, l’impegno chiesto è quello di attivarsi in Conferenza Stato Regione “affinché venga consentito un utilizzo maggiormente esteso degli anticorpi monoclonali per il trattamento della malattia da coronavirus da lieve a moderata in pazienti adulti e pediatrici”. Il loro utilizzo è infatti consentito solo su pazienti che hanno la probabilità di sviluppare una forma grave della malattia, ma per identificarli viene adottata una griglia di criteri giudicata attualmente troppo stretta, il che limita la possibilità di cura.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi