Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Federigo Angeli e il suo Novecento

La mostra Federigo Angeli e il suo Novecento, aperta dal 12 al 24 ottobre 2009 nella Galleria Covoni-Barile di Palazzo Panciatichi, è dedicata all'artista nato a Castelfiorentino nel 1891 e scomparso nel 1952, dopo un'intensa attività di restauratore e di pittore.

"L’opera di Federigo Angeli - scrive Marco Moretti, critico d'arte e curatore della mostra - rivela uno spirito artistico non solo aggiornato al proprio tempo, ma per certi versi anche precursore di quella pura realtà oggettiva rivendicata nel 1947 dal gruppo 'Pittori Moderni della Realtà' come 'fonte prima ed eterna della pittura'. Pittura che fin dagli anni venti, Angeli aveva espresso magistralmente attraverso le tecniche antiche e la luminosità delle tempere, a lui così familiari anche per la sua intensa, iniziale attività di restauratore e pittore neo–rinascimentale".

Realizzata in collaborazione con l'Associazione culturale Il Palmerino, l'esposizione è stata inaugurata dal vicepresidente del Consiglio regionale Angelo Pollina, con la partecipazione della Soprintendente per il Polo museale di Firenze Cristina Acidini e della Direttrice del museo di Palazzo Davanzati, Rosanna Caterina Proto Pisani.

A Federigo Angeli "che giovanissimo - scrive ancora Moretti - partecipò al restauro delle decorazioni murali di Palazzo Davanzati, divenendo insieme con i fratelli, uno dei principali divulgatori oltreoceano dello stile 'fiorentino'”, è dedicata la mostra Federigo e la Bottega degli Angeli, Palazzo Davanzati tra realtà e sogno aperta a Firenze al Museo di Palazzo Davanzati dal 23 ottobre al 17 gennaio 2010, promossa e organizzata dal Ministero dei Beni Culturali, Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e dal Museo di Palazzo Davanzati con la collaborazione della New York University - Villa La Pietra - Firenze.

Le riflessioni di Ugo di Tullio, presidente della Mediateca Toscana Film Commission, e di Pier Marco De Santi, docente di Storia del Cinema all'Università di Pisa, introducono la visione del film Good morning Babilonia (1987), dei fratelli Taviani,  proiettato presso l'Auditorium del Consiglio regionale giovedì 22 ottobre. La pellicola racconta una vicenda per certi aspetti parallela a quella dei fratelli Angeli, la storia di due fratelli scultori toscani che emigrano nel nord America, nei primi anni del novecento, e si affermano come scenografi nel mondo del cinema.