Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Arata Fidia

Nato a Seravezza (Lucca) l’11 marzo 1920, residente a Forte dei Marmi, laureato in filosofia, è stato docente presso l’università di Pisa. E’ stato partigiano combattente ed è invalido della guerra di Liberazione. Ha ricoperto varie cariche amministrative al Comune di Seravezza, di Forte dei Marmi e alla Provincia di Lucca. E’ stato presidente dell’Ente provinciale per il turismo di Lucca ed ha fatto parte del Comitato regionale di programmazione (CRPT) in rappresentanza degli enti turistici toscani. Membro del direttivo della federazione provinciale del PSI di Lucca, è stato anche componente della commissione nazionale turismo del PSI.

Alle consultazioni regionali del 6 – 7 giugno 1970 si è presentato nella lista del Partito Socialista Italiano ed è stato eletto nella circoscrizione di Lucca con 3.022 preferenze. Nel corso di questa legislatura è stato vicepresidente del Consiglio regionale, presidente della commissione Turismo, artigianato e industria e successivamente presidente della commissione Istruzione, cultura e sicurezza sociale.

E’ stato rieletto alle elezioni regionali del 15 – 16 giugno 1975 nella circoscrizione di Lucca con 4.536 preferenze. Ha mantenuto gli incarichi di vicepresidente del Consiglio e presidente della commissione Cultura fino al settembre 1978 quando è diventato membro della Giunta regionale con l’incarico di assessore all’industria, artigianato, commercio e turismo.

Eletto per la terza volta alle elezioni dell’8 –9 giugno 1980 nella circoscrizione di Lucca con 2.870 preferenze, è stato riconfermato assessore all’industria, artigianato, commercio e turismo fino al maggio 1983, successivamente ha fatto parte della commissione Industria, commercio e artigianato. Ha aderito al gruppo PSI.