Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 721


Carceri: Fanfani, Sollicciano struttura devastata e umanamente deprimente, un pollaio è più decoroso”

l garante dei detenuti visita il carcere fiorentino ed esorta il ministro: “Invece di pontificare venga a vedere le condizioni disumane di questo penitenziario”

 

di Ufficio Stampa, 16 ottobre 2020

 

“Un pollaio è più decoroso. La struttura fa letteralmente acqua da tutte le parti. Le infiltrazioni sono tante e tali che per tentare di arginarle sono addirittura stati piazzati secchi sulle scale, mentre e’ usata una copertura di nylon a protezione di parti di vetrocemento esplose, e molte strutture e pareti sono infiltrate di acqua. La situazione è incompatibile con una società che si vuole definire civile. Esorto il ministro a non parlare di 3 metri quadri a detenuto, ma a venire a vedere in che condizioni versa questo carcere e spieghi anche ai bambini detenuti con le madri, che ho incontrato, come sia possibile e ammissibile che la prima esperienza di vita possa essere all’interno di un carcere umanamente deprimente”.

Giuseppe Fanfani, garante toscano dei detenuti, torna dalla visita di stamani, venerdì 16 ottobre, a Sollicciano “profondamente scosso. Le condizioni del carcere superano ogni immaginazione possibile”, dichiara. “Tornerò con più calma e più tempo - promette - e chiederò il permesso di scattare delle foto. Forse anche il direttore del Dap, che invito a venire per una visita accurata, riuscirà a commuoversi”.

Fanfani parla di una “esperienza traumatica”soprattutto nell’incontro con due bambini molto piccoli, all'incirca due, tre anni di età. “Unico loro conforto sono i numerosi volontari che tentano di assisterli nel migliore dei modi pur in una situazione tanto drammatica. La visita è stata istruttiva - conclude -. Mi ha fatto comprendere che postribolo sia Sollicciano”.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi