Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 352


Ponte crollato: Giani, rifarlo subito dove era e come era, essenziale per l'intera area

Il presidente del Consiglio regionale, che ieri è rimasto fino a sera nel territorio di Aulla, precisa: "Per la Lunigiana è banco di prova dell'efficenza e dell'attenzione delle istituzioni per quest'area strategica per la Toscana"

 

di Camilla Marotti, 9 aprile 2020

 

 Firenze – Ricostruire il prima possibile il ponte crollato ieri, tra Albiano e Caprigliola, nel territorio del comune di Aulla. "La ricostruzione dell'opera deve essere al centro dei nostri obiettivi, così come la manutenzione e la realizzazione di infrastrutture necessarie alla vita della Toscana e del Paese" dichiara Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale, dopo che ieri, dal primo pomeriggio e fino a sera, è rimasto sul luogo del crollo partecipando anche a una serie di incontri istituzionali.

Quell'infrastruttura, ribadisce il presidente, "E' vitale per la vita sociale ed economica in tutta l'area, come collegamento tra la Toscana e la Liguria". In primo piano c'è un territorio costantemente valorizzato negli atti votati dall'assemblea toscana per l'intera legislatura: "Per la Lunigiana si tratta di un banco di prova per l'efficenza e l'attenzione delle istituzioni a quest'area strategica per la Toscana".

"Noi - continua Giani - dobbiamo essere all'altezza di rendere il nuovo ponte ricostruito simbolo della rinascita sul piano delle infrastrutture". "Il ponte deve essere fatto subito dove e come era - precisa -fugando ogni retropensiero di ricostruirlo in altri tratti del fiume Magra". E siccome si tratta di un'opera comunque complessa e costosa - 5 arcate e 4 piloni -, per il periodo tra la demolizione e la ricostruzione, nelle prossime settimane, potrebbe essere utile "considerare l'ipotesi della costruzione temporanea di un ponte Bailey o di altra struttura simile, sulla base di un impegno del Ministro della difesa attraverso l'attività dell'esercito con il Genio pontieri, che in altri casi è stato tempestivo e competente".

La proposta di Enrico Rossi commissario, come emerge dalle ultime ore, conclude il presidente, "è una buona idea".

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Materiali multimediali

Dichiarazioni, interviste, foto e altri contributi

Immagine - Il presidente Giani ieri ad Aulla ha incontrato il sindaco, Roberto Valettini
Il presidente Giani ieri ad Aulla ha incontrato il sindaco, Roberto Valettini

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi