Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 351


Ambiente: licenziata proposta di legge per ristoro danni maltempo dicembre 2019

La commissione presieduta da Stefano Baccelli (Pd) vota all'unanimità. Estesi i fondi già stanziati per novembre scorso, serviranno per interventi di ripristino

 

di Ufficio Stampa, 9 aprile 2020

 

Estendere gli interventi straordinari già attivati per gli eventi metereologici del novembre scorso, che hanno fortemente impattato sul nostro territorio, anche ai fenomeni eccezionali del mese successivo, ossia del dicembre 2019.
Questo l'obiettivo della proposta di legge che la commissione Territorio e Ambiente del Consiglio regionale, guidata da Stefano Baccelli (Pd), ha licenziato all'unanimità questa mattina, giovedì 9 aprile.
Saranno gli enti locali, le strutture regionali o i consorzi di bonifica ad eseguire gli interventi urgenti, come stabilisce il comma 3 del primo articolo di legge (la proposta conta tre articoli e non comporta maggiori oneri a carico del bilancio regionale). 
 
Il testo consente alla Regione di intervenire a ristoro dei danni verificatisi tanto sul patrimonio pubblico che privato. Le ingenti pioggie e le straordinarie raffiche di vento e fulmini hanno determinato esondazioni di corsi d'acqua del reticolo idraulico, anche minore, criticità di funzionamento nei sistemi di drenaggio urbano, con conseguenti allagamenti di intere frazioni e aree produttive, smottamenti e attivazione di movimenti franosi, danneggiamento di infrastrutture viarie soprattutto provinciali e comunali, reticolo idraulico, fognature.
 
La Giunta aveva già a suo tempo attivato lo stato di emergenza regionale e chiesto il riconoscimento di quello di rilievo nazionale, poi riconosciuto, che ha attivato stanziamenti per oltre 13milioni a favore della Toscana. Nel febbraio di quest'anno, a conclusione delle procedure di ricognizione degli interventi di ripristino e messa in sicurezza - quantificati in circa 21milioni - sono stati chiesti ulteriori 7milioni.
 
Gli interventi necessari saranno attivati secondo quanto previsto all'articolo 2 della legge regionale 79/2019 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2020).
 
In sede di discussione la capogruppo della Lega Elisa Montemagni, anticipando il voto favorevole, ha ricordato che la proposta nasce da un ordine del giorno presentato in Consiglio "proprio per estendere gli stanziamenti già previsti per il novembre scorso".

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi