Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 349


Diritto allo studio: via libera al bilancio previsionale 2020 - 2022

La commissione Sviluppo economico e rurale, istruzione e formazione, presieduta da Gianni Anselmi (Pd), ha espresso parere favorevole a maggioranza. L’azienda presenterà presto una variazione, perché per effetto dell’emergenza coronavirus alcuni impegni di spesa sono mutati

 

di Ufficio Stampa, 9 aprile 2020

 

 Parere favorevole a maggioranza, in commissione Sviluppo economico e rurale, istruzione e formazione, guidata da Gianni Anselmi (Pd), al bilancio previsionale 2020-2022 dell’Azienda per il diritto allo studio della Toscana (Dsu). Si sono espressi a favore i commissari del gruppo Pd, mentre si sono astenuti i commissari dei gruppi M5S, Lega e Roberto Salvini (gruppo Misto).
 
Per il 2020 i contributi regionali si attestano a 12milioni e 575 mila per borse di studio e servizi aggiuntivi agli studenti; 15milioni e 600mila vengono dalla tassa regionale e 23 milioni e 778mila euro, invece, di trasferimenti del FIS (Fondo integrativo statale). Le aree di intervento sono principalmente tre: borse di studio, ristorazione e alloggio. Tra le linee strategiche 2020-2022, l’Azienda vuole ampliare i fruitori dei benefici del diritto allo studio, individuando misure a sostegno mirate in particolar modo agli studenti con mezzi limitati ma rimasti esclusi dall’assegnazione degli alloggi. Nel triennio si vogliono assegnare i nuovi alloggi della residenza Birillo a Firenze per un totale di 121 posti letto e di San Cataldo, a Pisa, per 242. Con il completamento di queste residenze, infatti, l’Azienda gestirà 4mila 819 posti letto al 31/12/2020 e 5.013 posti letto al 31/12/2021. I posti letto saranno per Firenze 1.721 sia per il 2020 che per il 2021 e 1.761 per il 2022; a Pisa 1.506 per il 2020, 1.700 per il 221 e 1.748 per il 2022; a Siena 1.401 sia per il 2020 che per gli altri due anni.
 
Sul fronte dei pasti erogati si vuol mantenere stabile il numero che al 31 agosto 2019 era di 3milioni e 830mila, la previsione per il 2020 si attesta sui 3milioni e 900mila.
 
Inoltre, per mantenere l’efficienza dei costi gestione diretta, l’azienda vuol verificare la possibilita` di campagne di fidelizzazione e ottimizzazione degli orari di apertura del servizio. Sul fronte della sicurezza abitativa e alimentare, si mira a migliorare la capacita` di programmazione degli investimenti e di monitoraggio delle scadenze al fine del completamento di rilascio dei certificati relativi alla sicurezza delle strutture gestite dal DSU.
 
 
E’ stata confermata l’erogazione delle borse di studio al 100% degli idonei del concorso per l’a.a. 2018/2019. L’attuale anno accademico 19-20, avra` “il record” del maggior numero di borse di studio/alloggio erogato dal DSU Toscana, coprendo sempre ed ancora una volta il 100% degli idonei.
 
Come ha sottolineato il presidente dell’Azienda Dsu, Marco Moretti, però “questo bilancio previsionale, che il consiglio di amministrazione ha approvato a dicembre, è sorpassato a causa della situazione particolare determinatasi a causa dell’emergenza coronavirus. Dovremo apportare delle variazioni, che torneremo a sottopporre all’esame della commissione nei prossimi mesi”.
 
In risposta alle domande dei commissari Antonio Mazzeo (Pd), Irene Galletti (M5S), Luciana Bartolini (Lega), Alessandra Nardini (Pd) e Roberto Salvini (gruppo Misto), Moretti ha spiegato che per effetto dell’emergenza Covid-19, sono aumentate le spese per il portierato, le pulizie e i controlli. La Dsu, inoltre, ha deciso anche di sostenere i costi di affitto degli alloggi per gli studenti che, per effetto dei decreti governativi, non sono potuti rientrare presso le loro famiglie e di prolungare la permanenza di coloro che, pur dovendo liberare gli alloggi perché giunti alla scadenza, non possono in questo momento trovare un’altra sistemazione. Moretti ha ricordato che anche il servzio mensa, pur con una riduzione di personale e operando con la consegna di pasti da asporto, non ha perso alcun giorno di lavoro. Infine, la Dsu ha deciso di creare un ‘Fondo Covid di emergenza’ per fronteggiare situazioni non previste.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi