Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 299


Carcere: sarà Giuseppe Fanfani il nuovo Garante dei diritti dei detenuti

La proposta di delibera è stata licenziata in commissione Affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani. L’atto passa all’ordine del giorno del Consiglio regionale per la nomina definitiva

 

di Ufficio Stampa, 4 marzo 2020

 

Firenze –Con 6 voti favorevoli Giuseppe Fanfani è stato indicato dalla commissione Affari istituzionali, presieduta da Giacomo Bugliani (Pd), come il nuovo garante regionale dei diritti dei detenuti. La proposta di delibera, votata a scrutinio segreto con 6 sì, due schede bianche e un voto a Francesco Ceraudo, passa all’ordine del giorno della prossima seduta del Consiglio regionale.


“Avevamo già ampiamente analizzato in commissione le otto autocandidature pervenute– ha detto Bugliani, ricordandone i nomi- :  Roberto Bocchieri, Francesco Ceraudo, Sofia Ciuffoletti, Giuseppe Fanfani, Paola Foti, Bianca Maria Giocoli, Saverio Migliori, Emilio Santoro”. “Quella fatta è una votazione importante - prosegue il presidente  -  che va ad individuare una delle principali figure di garanzia del nostro ordinamento regionale”.

Bugliani ha ricordato che il dibattito si era già aperto “a fine gennaio, quando è venuto meno il mandato di Franco Corleone, dopo un mese circa di ‘vacatio’ del ruolo si è deciso di arrivare alla designazione” e che il mese trascorso “è servito per valutare l’opportunità di una convergenza quanto più larga possibile da parte delle forze politiche: questo tentativo di unanimità non è andato a buon fine e quindi si è optato per una scelta a larga maggioranza”. Bugliani ha ribadito che “per la figura di garante dei detenuti è richiesta una competenza consolidata in ambito giuridico e, da questo punto di vista, la figura di Giuseppe Fanfani è di assoluto rilievo, anche perché ha ricoperto il ruolo chiave di vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura”.


“I curricula pervenuti sono notevoli e solidi e rispecchiano figure professionali di spessore - ha detto il capogruppo Pd Leonardo Marras - abbiamo ragionato su cosa serva prima di tutto alla Toscana. Siamo in una fase avanzata e i temi sui quali dobbiamo spingere adesso sono prevalentemente sociali e di integrazione del fine pena, non si tratta più di esigenze di primaria importanza o di emergenza come qualche anno fa”. Marras ha ribadito che “il garante deve assumere un ruolo di collegamento autorevole tra le istituzioni locali, regionali, nazionali e l’amministrazione penitenziaria mostrando capacità, prestigio e iniziativa. Non é un operatore di campo ma una figura istituzionale che osserva, agisce, interviene, facilita, coordina, prova a risolvere e, quando non può, ha lo strumento della denuncia”. “Per questo proponiamo Giuseppe Fanfani come garante dei diritti dei detenuti, non solo per le sue conoscenze del diritto e dell’ordinamento,  ma anche per le sue esperienze istituzionali e politiche e i compiti svolti dal punto di vista della garanzia e dei diritti dei detenuti”.

“Siamo perplessi e contrari a questa nomina – ha detto il consigliere della Lega Marco Casucci –  soprattutto in considerazione del fatto che il Consiglio regionale pochi mesi fa ha approvato una mozione che vincolava la nomina del nuovo garante all’approvazione di nuove norme di indirizzo. La mia posizione è nota, sono per una figura unitaria di tutela che poteva essere collegiale”.
 
 La nostra posizione è nota, siamo per una figura unitaria di garanzia. Più che alle figure occorrerebbe pensare a rafforzare i servizi, si poteva proporre un organo collegiale”.

Un invito al confronto e a un’ampia condivisione sulle candidature  è arrivato dal capogruppo di Forza Italia Maurizio Marchetti, con l’obiettivo di “trovare un nominativo che allarghi il campo dalle indicazioni della maggioranza, perché la nomina esca dallo schema politico perché di curricula interessanti ce ne sono più di uno”.

“La situazione delle carceri è al limite, in ‘overbooking’– ha detto Gabriele Bianchi (gruppo Misto) - c’è l’urgenza di avere un garante, occorre una nomina veloce”. “Voterò con convinzione Fanfani”. 
 
“La vacatio non può ulteriormente essere prolungata, ‘vacatio’ del garante significa potenziale ‘vacatio’ della garanzia – ha detto Massimo Baldi (IV) – Riguardo alle candidature, è una scelta difficile, è evidente che siamo di fronte a figure di altissimo profilo, qualcuno per vocazione e carriera giuridica, qualcuno per carriera e vocazione psicologistico-pedagogica o medico-sanitaria”. “Come gruppo di Italia Viva ci sembra che la figura di Fanfani sia quella migliore per una serie di ragioni, innanzitutto perché ha un profilo alto e giuridico”, poi ha mostrato “capacità sia in ruoli scientifici che professionali che amministrativi”, “ha dimostrato di saper esercitare le sue capacità apicali con sensibilità sia nei confronti della partecipazione che dell’aspetto decisionale”.  

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi