Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0216


Libri: Italy on the Rimland in Consiglio

Presentazione lunedì 17 febbraio alle 17, in sala Gonfalone di palazzo del Pegaso, con il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani

 

di Paola Scuffi, 14 febbraio 2020

 

Italy on the Rimland, storia militare di una penisola euroasiatica”, questo il titolo del libro – a cura di Limes, Fondazione La Sapienza, Società italiana di storia militare (Sismi) – che sarà presentato lunedì 17 febbraio alle 17, in sala Gonfalone di palazzo del Pegaso (via Cavour, 4 - Firenze).
Ai saluti di Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana e di Luca Galantini, Club Limes di Firenze, seguiranno gli interventi – moderati da Ugo Barlozzetti, membro del direttivo della Sismi – di Virgilio Ilari (presidente Sismi), Federico Petroni (redattore della rivista Limes), Filippo Ruschi (docente di Filosofia del Diritto presso l’Università degli Studi di Firenze), Tiberio Graziani (presidente, Vision & Global Trends - International Institute for Global Analyses).

Il volume – composto di 83 articoli di 70 autori – si articola in 2 tomi. Il primo riguarda le conseguenze che la dissoluzione degli imperi multietnici (asburgico, zarista e ottomano) ha avuto sull’Italia, trasformata da “Porta d’Oriente” a “Fronte Orientale” dell’Occidente. Il secondo affronta invece il ruolo dell’Italia (“espressione geografica” e “stato alleato”) nella grande strategia dell’Impero britannico e poi dell’Occidente a guida americana per il controllo della rotta di Suez verso l’Oceano Indiano e l’Estremo Oriente. Da qui il filo rosso che lega il nostro presente al nostro passato, ovvero il controllo delle rotte terrestri e marittime e dei flussi di ricchezza tra l’Europa e la Cina.
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi