Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1323


Corecom: nel 2020 le sfide del 5G e della democrazia digitale

È emerso dal seminario nazionale sulle prospettive delle comunicazioni elettroniche e la tutela dei consumatori che si è svolto all’Auditorium di palazzo del Pegaso. I saluti del presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani. Il presidente del Comitato toscano Enzo Brogi: “Impegno costante per farci conoscere meglio e raggiungere le comunità più lontane”

 

di Ufficio Stampa, 8 novembre 2019

 

 “Il 2020 per l’Agcom nazionale e per i Corecom regionali, tra cui il Corecom della Toscana, sarà l’anno di alcune sfide importanti: lo sviluppo dei servizi digitali, l’inizio dell’implementazione della tecnologia 5G e la democrazia digitale. Noi, a livello regionale, aggiungiamo la sfida di far conoscere meglio e più diffusamente il Corecom e i servizi che eroga. Realizzeremo una serie di spot con un personaggio noto e li trasmetteremo sulle televisioni e sulle radio della Toscana”. Lo ha detto il presidente del Corecom della Toscana, Enzo Brogi, durante l’intervento di apertura del terzo seminario biennale nazionale sulle controversie tra utenti e gestori dei servizi di tlc, in programma nell’Auditorium del Consiglio regionale. Un  seminario che ha l’obiettivo di fare il punto sui risultati ottenuti in tema di tutela dei consumatori e sulle prospettive di sviluppo di questa specifica attività dei Corecom regionali.
 
E in tema di controversie, nel 2018 il Corecom della Toscana ha gestito circa 9mila pratiche di reclamo inoltrate dai cittadini utenti. “L’84 per cento di queste – ha spiegato Brogi – ha avuto esito positivo, permettendo un recupero di pagamenti non dovuti pari ad oltre 4milioni”. Grazie a questa attività, si sono evitati migliaia di ricorsi alla magistratura, contribuendo a non appesantire il già congestionato numero dei procedimenti giudiziari.
 
A confermarlo è la presidente del Tribunale di Firenze, Marilena Rizzo: “Grazie all’attività conciliativa del Corecom, il Tribunale può non intervenire nei casi di controversie tra utenti e gestori telefonici. Ovviamente, laddove la controversia non si risolva, la parte interessata può ricorrere all’autorità giudiziaria. Noi abbiamo tutto l’interesse che il Corecom funzioni al meglio, perché da questo dipende un minor carico di lavoro per il tribunale”.
 
Il Corecom della Toscana, ha poi ricordato Brogi, ha avviato  in collaborazione con Anci Toscana (l’associazione regionale dei comuni) “un attento e costante radicamento territoriale, per aprire sportelli comunali decentrati attraverso i quali erogare i servizi da noi offerti nei comuni più decentrati e territorialmente disagiati”. Il servizio, come ha spiegato il direttore di Anci Toscana, Simone Gheri, “è iniziato da poche settimane e viene erogato attraverso sportelli realizzati nelle ‘Botteghe della salute’, un progetto già attivo da tempo e che abbiamo realizzato con la Regione per avvicinare ai cittadini i servizi socio-sanitari, per fornire il servizio di prenotazione delle prestazioni sanitarie e offrire un punto di ritiro degli esami medici”.
 
L’uso consapevole dei mezzi di comunicazione, e in particolare il web, resta uno dei fari dell’attività del prossimo anno. “Ci impegneremo – ha ricordato Brogi – in particolare contro il cosiddetto cyber bullismo, attività che abbiamo già avviato con il progetto del ‘patentino digitale’, realizzato in collaborazione con la Regione, l’Ufficio scolastico regionale e la Polizia postale”. L’obiettivo del progetto è quello di consentire ai ragazzi delle scuole di conseguire competenze digitali, giuridiche, psicologiche, comunicative e comportamentali grazie alle quali prevenire e combattere il sempre più diffuso fenomeno del cyber bullismo.
 
Infine, Brogi ha auspicato “che si arrivi presto ad una legge che renda omogenei, su tutto il territorio nazionale, servizi, attività, gestione e compensi di chi opera nei singoli Corecom regionali”.
 
Nel corso della mattinata il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, è intervenuto per un breve saluto di benvenuto, durante il quale ha sottolineato “l’importanza del servizio a tutela dei cittadini che i Corecom svolgono”.
 
Tra gli interventi della mattinata, tra gli altri, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Firenze, Giampiero Cassi, il direttore della tutela dei consumatori di Agcom, Mario Staderini, il professore del Politecnico di Milano, Michele Giovannini,  il professore dell’Università Milano Bicocca, Vincenzo Franceschelli.
 
I lavori continueranno nel pomeriggio con una tavola rotonda alla quale prenderanno parte rappresentanti dei gestori telefonici, delle associazioni dei consumatori, dell’Ordine degli avvocati e dei presidenti e dei direttori dei Corecom. A chiudere la giornata, alle 17, sarà l’intervento di David Ermini, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi