Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1051


Sanità: la Regione ha dato indicazioni per fronteggiare la carenza di personale nelle aziende regionali

L’assessore Stefania Saccardi ha risposto all’interrogazione di Paolo Sarti e Tommaso Fattori (Sì – Toscana a sinistra) e di Monica Pecori (gruppo misto/Tpt), che si sono dichiarati insoddisfatti

 

di Ufficio Stampa, 11 settembre 2019

 

“Da parte della Regione non c’è alcuna volontà di tagliare personale sanitario o di impedire nuove assunzioni. La nostra indicazione alle Aziende sanitarie è stata quella di coprire per intero il turn-over e di non diminuire i primariati e, là dove ci fossero posizioni scoperte, di sostituirli”. Lo ha detto l’assessore alla Sanità, Stefania Saccardi, rispondendo a una interrogazione dei consiglieri di Sì-Toscana a Sinistra, Paolo Sarti e Tommaso Fattori, e della consigliera Monica Pecori (gruppo Misto/Tpt) a proposito della carenza di operatori socio-sanitari e di personale amministrativo all’interno del Servizio sanitario, situazione che è andata ulteriormente aggravandosi nel periodo estivo. L’assessore Saccardi ha inoltre ricordato che “sul tema delle assunzioni del personale sanitario la normativa nazionale non prevede limiti nel numero degli assunti, ma impone un tetto di spesa per il personale”.
 
“Sono soddisfatto della risposta in termini generali, ma insoddisfatto riguardo ai problemi di carenza del personale sanitario nella Azienda sanitaria Nord ovest, su cui non ci sono stati forniti chiarimenti”, ha esordito Paolo Sarti nella sua replica. “Come scritto nell’interrogazione – ha aggiunto, - ricordo che nelle aziende Toscana centro e Nord ovest è stato dichiarato lo stato di agitazione per le carenze di organico non solo infermieristico e Oss, ma anche tecnico. Negli ultimi tempi, soprattutto per far fronte agli accresciuti bisogni estivi, abbiamo assistito all’assunzione di solo 70 figure, tra infermieri e Oss, e molto spesso con contratti di lavoro interinale o a tempo determinato. Servirebbe, invece, una programmazione regionale di assunzioni che agisca in una prospettiva di medio-lungo periodo e non solo in chiave emergenziale”.  

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi