Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1046


Sanità: pazienti invalidi, sì a mozione per accertamento in tempo reale esenzioni ticket

Nell’atto, presentato da Sì-Toscana a sinistra, si chiede alla Giunta di predisporre un controllo informatico allo sportello per evitare che gli invalidi, sprovvisti dell’attestazione, debbano pagare le prestazioni del servizio sanitario

 

di Ufficio Stampa, 11 settembre 2019

 

AULA – Accertare in tempo reale l’esenzione dal ticket per pazienti invalidi. Il Consiglio regionale approva a maggioranza una mozione presentata da Sì-Toscana a sinistra. Poiché le aziende sanitarie hanno richiesto ticket non dovuti a persone esenti per invalidità civile che al momento dell’esame non avevano il libretto attestante l’invalidità, e in considerazione dei recenti processi di informatizzazione del Sistema sanitario regionale, la mozione a firma dei consiglieri Paolo Sarti e Tommaso Fattori chiede alla Giunta regionale di inviare a tutte le Usl “un’informativa che disponga l’accertamento in tempo reale della situazione di esenzione di ogni iscritto che usufruisca dei benefici legati all’invalidità civile” e di disporre che le strutture aziendali interessate si dotino dei necessari sistemi informatici che lo permettano” nel caso in cui ne siano sprovviste.
 
“Occorre mettere in rete le varie strutture pubbliche - ha spiegato Sarti – è un problema informatico vasto. Credo che l’esenzione del ticket su ricetta del medico di base debba bastare”.
 
Si è detto d’accordo sulla mozione anche Andrea Quartini (M5S). “Si tratta – ha detto il consigliere regionale – della mancata garanzia di un diritto. L’augurio è che il fascicolo sanitario elettronico funzioni davvero”.
 
Sì anche da Monica Pecori (gruppo misto/Tpt). “L’auspicio – ha detto la consigliera regionale – è che nell’ottica di un sistema più efficiente non ci sia più bisogno nemmeno di verificare se tali tipi di esenzione come altri siano effettivi o meno”. 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi