Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1220


Corecom: Brogi, strumento strategico anche per contrastare cyberbullismo

Il presidente del Comitato regionale per le comunicazioni esprime apprezzamento per l’approvazione della risoluzione sul programma di attività 2019 e interviene sui risultati del quinto rapporto Ars che ha analizzato il fenomeno del bullismo online in Toscana. “Coinvolge 1 adolescente su 4. Necessario approccio avanzato. Lanceremo, unici in Italia, il patentino web per la navigazione consapevole”

 

di Ufficio Stampa, 8 novembre 2018

 

I dati del quinto Rapporto Edit (Epidemiologia dei determinanti dell'infortunistica stradale in Toscana), ideato e realizzato dall'Agenzia regionale di sanità (Ars), da cui emerge che 1 adolescente su 4 è coinvolto, come vittima o come responsabile, in una forma di bullismo online, spinge il presidente del Corecom, Enzo Brogi, a rilanciare le iniziative inserite nel programma di attività 2019 e mirate a contrastare il fenomeno.
 
Lo studio ha coinvolto circa 6mila 800 studenti di oltre 80 istituti scolastici toscani. Tra le voci più significative, quella dedicata al bullismo online o cyberbullismo, che nel 2018 coinvolge il 25,2 per cento dei ragazzi (erano il 20,4 per cento nel 2015), riguarda maggiormente le femmine (27,2 per cento). Ma è il genere maschile il responsabile dell'incremento, passando dal 12,8 per cento del 2015 al 23,3 nel 2018 (resta stabile nelle femmine: nel 2015 27,5 per cento). Le fasce di età più interessate sono quelle comprese fra i 15 e i 17 anni.
 
“I numeri sono chiari e altrettanto chiaro deve essere il nostro intervento, a cominciare da un approccio avanzato ai nuovi media e alle insidie del web” dichiara Brogi. Da sempre convinto delle potenzialità del mondo digitale che tuttavia “devono essere governate e adeguatamente conosciute”, il presidente si è molto speso per l’iniziativa, “siamo il primo Corecom in Italia a metterla in campo” dichiara, per il rilascio del “patentino web”, una sorta di certificazione da rilasciare a giovani che abbiano concluso un percorso formativo mirato alla navigazione consapevole della rete.
 
Il presidente esprime inoltre soddisfazione per l’approvazione della risoluzione sul programma di attività 2019 (votata all’unanimità dal Consiglio nella seduta di ieri, mercoledì 7 novembre) , e rinnova l’impegno di “buon interprete del necessario ruolo di garanzia” assicurato nel giorno del suo insediamento alla guida del Comitato.
 
“Dopo un anno di intenso lavoro continuiamo a passo spedito per tradurre in concreto quanto inserito nell’agenda 2019” dichiara Brogi che conferma il ruolo strategico del Comitato, organismo che esercita funzioni proprie e funzioni delegate dall’Autorità nazionale, a servizio di cittadini, imprese e istituzioni. “Svilupperemo campagne di comunicazione e informazione mirate e apriremo, in accordo con Anci, sportelli Corecom per dare risposte e offrire servizi, sempre gratuiti, nei territori più lontani dalla sede fiorentina” conclude il presidente.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi