Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1214


Fondazione Sistema Toscana: approvata la nuova legge

Via libera a maggioranza, con 23 voti favorevoli. Contrari M5S e Lega

 

di Camilla Marotti, 8 novembre 2018

 

Via libera a maggioranza, con ventitrè voti favorevoli e sei contrari - M5S e Lega - alla proposta di legge che definisce le attività e le modalità di finanziamento di Fondazione Sistema Toscana, approvata nella seduta d’aula del 7 novembre 2018.
 
In sede di dichiarazione di voto, il consigliere Gabriele Bianchi (M5S) ha ricordato le previsioni della normativa nazionale per quanto riguarda la gestione delle partecipate: gli enti pubblici devono predisporre un piano di riassetto, razionalizzando laddove si riscontrino società che svolgono attività analoghe o similari a quelle svolte da altre partecipate. Fondazione Sistema Toscana, “se si va a leggere gli statuti fondativi, è la solita cosa di Toscana Promozione”, ha detto Bianchi. Inoltre, il consigliere ha rilevato che Fondazione Sistema Toscana ha al suo interno una partecipata: “Casa delle Creatività, con 30mila euro di capitale sociale: inviteremo a dismettere Casa della creatività, per essere totalmente un ente dipendente senza partecipate all’interno”.
 
Tommaso Fattori (Sì Toscana a Sinistra), nell’annunciare il voto a favore ha definito “condivisibile sia la conferma del modello in house, sia la definizione di regole omogenee per tutte le fondazioni regionali, che elimina anche inopportuni margini di discrezionalità”.
  
In base alla nuova legge, dunque, le attività della Fondazione Sistema Toscana si articolano in attività istituzionali a carattere continuativo e in attività istituzionali a carattere non continuativo, e sono svolte sulla base di un programma annuale con proiezione pluriennale.
    
Tra le azioni a carattere continuativo ricordiamo quelle per lo sviluppo della comunicazione digitale, come il supporto alla diffusione dei servizi digitali, agli eventi e ai progetti finalizzati alla crescita della cultura digitale; il supporto alla semplificazione amministrativa, alla partecipazione e alla collaborazione attiva dei cittadini; il supporto all'integrazione delle attività del “Portale in.toscana” con quelle del sito istituzionale della Regione, e alla comunicazione on line di azioni e progetti di interesse regionale.
 
Ci sono poi la promozione dell’integrazione fra offerta culturale e turistica e la diffusione del cinema e delle iniziative educative e formative. Attività che si orientano al sostegno alla localizzazione in Toscana di produzioni televisive, cinematografiche e multimediali (film commission); alla promozione e valorizzazione dell'identità toscana; allo sviluppo delle politiche giovanili; a quello delle politiche dei diritti (per favorire, anche attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie, la più ampia partecipazione dei giovani alla diffusione della cultura dei diritti).
 
Riguardo al finanziamento, le attività istituzionali a carattere continuativo sono finanziate con un contributo annuale, con proiezioni pluriennali, a copertura dei costi che concorrono direttamente e indirettamente al loro svolgimento e il cui ammontare è definito con legge regionale di bilancio.
 
Le attività istituzionali a carattere non continuativo sono finanziate mediante l'erogazione di compensi, il cui ammontare è determinato sulla base del tariffario approvato dalla Giunta regionale.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi