Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1077


Economia: GlaxoSmithKline, un nuovo tavolo per stabilizzare i precari dell’azienda farmaceutica

La mozione unanime del Consiglio regionale prevede anche specifici strumenti di monitoraggio del settore

 

di Ufficio Stampa, 10 ottobre 2018

 

La Giunta regionale dovrà promuovere l‘apertura di un nuovo tavolo regionale con la multinazionale GlaxoSmithKline, le organizzazioni sindacali e i rappresentanti sindacali aziendali per la stabilizzazione dei lavoratori con contratto di somministrazione negli stabilimenti di Siena e di Rosia.

Il Consiglio regionale ha approvato, oggi 10 ottobre, all’unanimità una mozione dei consiglieri Tommaso Fattori e Paolo Sarti (Si-Toscana a sinistra), che chiedono, più in generale, una regolamentazione dell’uso del lavoro interinale all’interno dell’azienda farmaceutica.

“Una lavoratrice è stata licenziata dopo aver lavorato come precaria per 78 mesi – ha rilevato Fattori –. Altri due lavoratori hanno dovuto lasciare dopo cinque anni”.

“E’ una realtà strategica per l’economia senese sia per investimenti e occupazione sia per innovazione e ricerca - ha osservato Simone Bezzini (Pd) –. Ci sono ragioni oggettive dietro gli accordi fatti, come il ciclo produttivo e gli andamenti di mercato, che richiedono flessibilità. Credo, però, che una nostra sollecitazione, in questa sede, sia importante per una loro verifica”. A questo scopo Bezzini ha suggerito di prevedere specifici strumenti di monitoraggio del settore. Un suggerimento accolto.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi