Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0883


Rassegne: sagra del bignè di Orentano, 50esima edizione

Presentata in sala Barile di palazzo del Pegaso. Il presidente del Consiglio Eugenio Giani: “Eccellenza toscana”

 

di Federica Cioni, 7 agosto 2018

 

Un momento della conferenza stampaLa mitica Vespa Primavera sarà la protagonista della 50esima sagra del Bignè di Orentano, frazione di Castelfranco di Sotto nella provincia di Pisa. La rassegna festeggia una “eccellenza toscana”e conferma lo “spirito che ha da sempre animato questa originalissima manifestazione”dichiara il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, nella conferenza stampa di presentazione in palazzo del Pegaso.
 
Nel ricordare il “tema forte dei primi anni”, ossia la valorizzazione dei monumenti regionali e il Duomo di Spoleto che ne è stata l’ultima rappresentazione due anni fa, il presidente parla della volontà di celebrare grandi eventi e anniversari: “così è stato l’anno scorso con i 100 anni del Giro d’Italia, così è quest’anno con la Vespa e così sarà, forse, nel 2020 per il cinquantesimo della Regione”scherza Giani pensando magari ad un Pegaso fatto di bignè. “L’evento è unico, tra i più significativi che il nostro territorio può offrire”continua, parlando della pasticceria di Orentano come “arte riconosciuta in tutta Italia. Questi maestri artigiani sono rinomati e lavorano in laboratori di altissimo pregio”.
 
Accanto al presidente del Consiglio regionale, anche il sindaco di  Castelfranco di Sotto Gabriele Toti che ricorda due elementi caratterizzanti la festa: il legame con il territorio e l’attività di volontariato. “La sagra testimonia l’attaccamento al paese da parte di chi è andato lontano per motivi di lavoro, ma che ogni anno ritorna e festeggia le proprie tradizioni” dichiara. “Tutto questo non sarebbe però possibile senza il prezioso aiuto di tanti volontari che aiutano a confezionare il nostro dolcione, una montagna di bignè, circa 40mila, lunga 14 metri, larga 4 metri e alta 16 metri”.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Materiali multimediali

Dichiarazioni, interviste, foto e altri contributi


Il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani: "Una bellissima manifestazione che ogni anno richiama migliaia e migliaia di persone"


Il sindaco di Castelfranco di Sotto Gabriele Toti: "Dietro al dolce si vuo, raccontare uno spaccato della vita e delle tradizioni di Orentano"

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi