Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0881


Eventi: San Miniato, il Palio di San Rocco Pellegrino presentato a palazzo del Pegaso

Dall’8 al 16 agosto, 9 giorni di eventi dedicati alla notte e a Fernando Arrabal, il più grande poeta spagnolo vivente e il più rappresentato nei teatri di tutto il mondo

 

di Benedetta Bernocchi, 7 agosto 2018

 

Un momento della conferenza stampaDecimo compleanno per il Palio di San Rocco Pellegrino e Festival del pensiero popolare di San Miniato (Pi), quest’anno dedicato alla notte ea Fernando Arrabal, il più grande poeta spagnolo vivente e il più rappresentato nei teatri.
 
La rassegna, presentata oggi, martedì 7 agosto, a palazzo del Pegaso, dura nove giorni, dall’8 al 16 agosto e unisce momenti di cultura alta a situazioni ‘popolari’.
 
“Si tratta di un’iniziativa di grande respiro e rilievo culturale - ha detto il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani-. A San Miniato vi è una sensibilità particolare, che ha portato a riscoprire la figura di San Rocco, la cui devozione popolare era intensa, a lui erano  dedicate molte feste che nel tempo sono andate disperse”. “E’ una tradizione – ha concluso Giani - che si rinnova all’insegna dell’arte, della poesia, della cultura e del culto a San Rocco, il 16 di agosto”.
 
Il programma propone pomeriggi dedicati all’approfondimento e incontri con personalità internazionali, da Fernando Arrabal al regista argentino Sergio Aguirre, dall’attrice Mila Moretti alle scrittrici Marlinina Veca e Manuela Parentini, a monsignor Andrea Cristiani, fondatore del movimento Shalom.
Le serate, ricche di eventi gastronomici e ricreativi avranno momenti teatrali che culmineranno il 15 e il 16 con “Arlecchino” di Mario Gallo e con l’esibizione di Rodolfo Banchelli su Odoardo Spadaro e la canzone fiorentina del ‘900. Non mancheranno film, mostre d’arte e fotografia e la consegna del premio San Rocco che il sindaco Gabbanini assegnerà a Arrabal e a Aguirre.
 
“E’ un festival del pensiero popolare - ha commentato l’assessore alla cultura di San Miniato Lucia Alessi -  che riesce a coniugare una cultura di altissimo livello con la tradizione popolare e la memoria storica”. 
 
Il direttore del festival Andrea Mancini ha parlato del programma che “vede alternarsi i giochi popolari del palio” con “importanti eventi culturali”. Mancini ha ricordato la consegna del premio San Rocco, che verrà assegnato ad Arrabal e a Sergio Aguirre.
 
Aguirre, il regista che ha portato il teatro spagnolo e argentino al successo italiano ha parlato dei suoi spettacoli “Dalì vs Picasso” e “Sarah e Victoria”, interpretato da Mila Moretti, musa ispiratrice di Arrabal, presente alla conferenza stampa.
 
Infine, Banchelli ha chiuso l’incontro invitando alla serata del 16 agosto in cui lo spettacolo dedicato a Spadaro sarà “la sua visione e rielaborazione della tradizione popolare fiorentina, con musica, canti e danza swing”.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Materiali multimediali

Dichiarazioni, interviste, foto e altri contributi


Il presidente del Consiglio regionale Eugenio: Giani: "San Rocco figura di maggior riferimento nelle radici storiche del paese"

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi