Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa

COMUNICATO STAMPA  n. 0590


Informazione: fronte contro crisi del settore e tutela occupazione, mozione unanime

La situazione del Corriere Fiorentino, di Italia 7 e le altre crisi aperte in Toscana: dar vita a un tavolo guidato dalla Regione per monitorare la situazione occupazionale e mettere in atto azioni per rafforzare qualità e pluralismo dell’informazione

 

di Sandro Bartoli, 6 giugno 2018

 

Un tavolo di crisi guidato dalla Regione per far fronte alle gravi difficoltà del settore dell’informazione, tutelare i livelli occupazionali e fornire strumenti di sostegno al pluralismo e alla qualità dell’informazione in Toscana.
 
Il Consiglio regionale approva con voto unanime una mozione, presentata dal presidente della commissione Sviluppo economico Gianni Anselmi (Pd) e sottoscritta da tutti i gruppi consiliari, sulla situazione occupazionale dei giornalisti nella nostra regione.

La mozione impegna la Giunta regionale ad attivarsi, assieme alle associazioni del settore, “per valutare la costituzione di un tavolo regionale”, per monitorare la situazione occupazionale dei giornalisti, a cominciare dalle vicende che vedono coinvolti il Corriere Fiorentino e Italia 7. L’intenzione è quella di dar vita a uno strumento in grado di “mettere in atto eventuali azioni tese a tutelare i livelli occupazionali e, di conseguenza, rafforzare la qualità e il pluralismo dell’informazione regionale”.
 
Il settore dell’informazione, si legge nella mozione, sta vivendo un momento di forte criticità dal punto di vista occupazionale, per il numero dei giornalisti impiegati, la qualità dei contratti e delle retribuzioni. “Il 65 per cento dei giornalisti iscritti all’ordine risulterebbero disoccupati, cassintegrati o, soprattutto, precari”. Si tratta di una crisi che è nazionale, con 2mila 700 posti di lavoro, il 15 per cento del totale, persi negli ultimi cinque anni, secondo i dati dell’Inpgi, l’Istituto di previdenza dei giornalisti, e che ha pesanti ricadute nella nostra regione.

La mozione riporta le informazioni fornite dall’Associazione stampa toscana: i giornalisti che riscuotono l’assegno di disoccupazione sono 35, “mentre un numero più elevato riguarda i giornalisti che non usufruiscono più di tale sostegno, non hanno trovato una sistemazione stabile e sono costretti a vivere di collaborazioni precarie, spesso pagate da 3 a 10 euro ad articolo o notizia”. Dal 2012, hanno cessato le pubblicazioni il Giornale della Toscana, l’Unità, il Corriere di Firenze, il Firenze, il Corriere di maremma. In questa fase l’Ast sta seguendo altre situazioni di crisi aziendale, che riguardano il Corriere Fiorentino, dove si prevede un taglio del 20 per cento del personale, Italia 7, Antenna 5, Tele San Domenico, Toscana 24.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Informazione: fronte contro crisi del settore e tutela occupazione, mozione unanime

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi