Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa

Comunicato del 13 aprile 2018


Ciclostorica: Giani, ecco ‘La Leonessa’, manifestazione di riferimento dell’Eroica

Presentata in sala Barile la quarta edizione della ciclostorica del Chianti Rufina e della Montagna Fiorentina

FirenzePresentata in Consiglio regionale la quarta edizione de ‘La Leonessa’, la ciclostorica su strade sterrate che il 28 e 29 animerà Pelago e le strade bianche del Chianti Rufina e della Montagna fiorentina. “Una speranza che in questi anni è diventata una certezza”, come affermato dal presidente del Consiglio Eugenio Giani salutando “lo stile vintage della bici d’epoca” che in sala Barile, questa mattina, era rappresentato anche dall’ideatore dell’Eroica, Giancarlo Brocci. Giani, riferendosi a percorsi e strade bianche che attraversano i paesaggi nel cuore della montagna fiorentina, ha parlato di “un modo di vivere la bicicletta in cui si concentrano cultura, turismo e sport”. “Questa è la manifestazione di riferimento dell’Eroica”, ha detto ancora il presidente riferendosi a ‘La Leonessa’, definita dal sindaco di Pelago, Renzo Zucchini“esempio concreto di valorizzazione del territorio”. Infatti la ciclostorica quest’anno inaugurerà, come già l’Eroica, un itinerario permanente coincidente con il percorso più lungo tra quelli che si disputeranno domenica 29: il tragitto di 80 chilometri. “Favoriamo un turismo slow” ha commentato ancora Zucchini, descrivendo itinerari che si snodano tra luoghi e dislivelli importanti: “dai 300 metri di Pelago ai 1000 della Consuma, attraversando i nostri borghi, i nostri campi”. Un primo piano su paesaggi e colture tipici, veri protagonisti dell’organizzazione curata anche per questa edizione da Leonardo Certinie Paolo Pasquini. Da Certini il riconoscimento all’esempio e all’azione “in Italia e a livello mondiale” riconducibili proprio all’Eroica di Brocci, per un turismo “all’insegna della qualità dei piccoli territori”, quelli cosiddetti “minori”, eppure ricchi di bellezze alle porte di Firenze. 
Paolo Pasquiniha diffuso l’agenda della due giorni che s’inagura sabato 28 alle 9 in piazza Ghiberti a Pelago, con il raduno mountain bike (‘La leonessa in MTB’). Nel pomeriggio la presentazione del percorso permanente – con il taglio del nastro per il chilometro zero –, preceduto dall’incontro nella sala del Consiglio dell’ex Comune, dedicato alla Coppa Cremonini e dei grandi che ne furono protagonisti quando ancora erano dilettanti: “nomi che ci hanno fatto sognare”, come dice Pasquini citando Bartali, Gastone Nencini, Bitossi, Moser.
Domenica 29 alle 9, la partenza della ciclostorica riservata a biciclette d’epoca, con quattro itinerari, per la competizione che è anche la prima tappa della Coppa Toscana. Le iscrizioni sono ancora aperte (www.leonessaciclostorica.it).
Ad aggiornare sulle ultime ‘tappe’ dell’Eroica lo stesso Giancarlo Brocci. “Apriremo anche in Australia, l’ultimo continente che ci mancava”, ha detto annunciando un’altra novità: “a fine mese proporremo il ciclismo eroico per i giovani, perché il ciclismo, quello bello, pulito, sorridente, è uno straordinario elemento di educazione e di stile di vita”. “E’ solo questione di portarlo ai suoi valori autentici”. (Cam)
 
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Ciclostorica: Giani, ecco ‘La Leonessa’, manifestazione di riferimento dell’Eroica

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi