Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0171


Consiglio: bilancio di previsione, via libera a seconda variazione

Approvata a maggioranza la proposta di delibera presentata dall’ufficio di presidenza conseguente all’approvazione della legge sulla valorizzazione dell’identità toscana

 

13 marzo 2018

 

Firenze– Via libera a maggioranza – contari Sì-Toscana a Sinistra, M5S e Monica Pecori (Misto) – alla seconda variazione al bilancio di previsione finanziario del Consiglio regionale (triennio 2018-2020). La variazione, di inziativa dell’ufficio di presidenza, è conseguente all’approvazione della legge regionale che detta “Interventi per la valorizzazione dell’identità toscana e delle tradizioni locali”: si trasferiscono 250mila euro dal fondo leggi parte corrente per la legge per l’identità toscana. Inoltre, vista la decisione della Toscana di prorogare il contributo di solidarietà a carico dei vitalizi, si trasferiscono 215mila euro sul fondo risparmi da impiegare in emergenze sociali o ambientali, che raggiunge così una disponibilità di 684mila euro e 475,39.
A motivare il voto contrario Tommaso Fattori (Sì-Toscana a sinistra), che ha ribadito la sua posiizone critica sulla legge per la valorizzaizone dell’identià toscana: “Di fatto trasforma il Consiglio regionale in qualcosa d’altro ripetto a ciò che è, ovvero un ente con funzioni amministrative, di erogazione di contributi a pioggia, una tantum”.
Gabriele Bianchi (M5S) ha sollecitato “ancora una volta una buona gestione”, forte di “uno spazio per la partecipazione”, secondo un “nuovo modello di inclusione dei cittadini”. Anche Monica Pecori ha motivato il proprio voto contrario all’aula, affermando tra l’altro che i finanziamenti avrebbero potuto rimanere “in seno al Consiglio per una proposta di legge che avrebbe fatte bene ai cittadini”. 
Jacopo Alberti (Lega) ha inteso ribadire il voto favorevole del suo gruppo, “come sempre quando si parla di identità toscana e tradizioni locali”. (Cam)
 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi