Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa

Comunicato n. 113 del 13 febbraio 2018

Agricoltura, Caccia e Pesca

Caccia: via libera a proposta di legge per disciplinare ipotesi decadenza componenti Atc

Il Consiglio regionale ha votato a maggioranza il testo che garantisce la continuità amministrativa degli Ambiti. Passa anche un emendamento del Pd per regolare i casi di dimissioni

Firenze –Via libera alla proposta di legge per garantire la continuità amministrativa degli ambiti territoriali di caccia (Atc) nel caso di decadenza dei sui componenti. Il Consiglio regionale ha votato il testo a maggioranza (16 a favore, 11 astensioni) e con la stessa espressione ha accolto un emendamento del Partito democratico, illustrato dal consigliere Gianni Anselmi, per disciplinare anche le ipotesi di dimissioni dei componenti il comitato di gestione degli Ambiti.

La legge muove i passi dalla necessità di regolamentare le ipotesi di decadenza dalla carica, prevedendone i casi e stabilendo che il componente decaduto, per causa a lui non imputabile, continui nell’esercizio delle funzioni fino alla nomina del sostituto. La norma non si applica se la causa di decadenza è imputabile alla responsabilità del singolo componente.
La proposta di legge approvata prevede inoltre che la disposizione si applichi anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore. Per salvaguardare infine il diritto di scelta individuale, il testo di legge è stato emendato per stabilire che la durata in carica fino alla nuova nomina non si applica ai casi di dimissioni volontarie.

In sede di dibattito e dichiarazione di voto, Tommaso Fattori ha parlato di un testo anche ragionevole, ma con evidenti criticità. Si interviene infatti, ha rilevato, su una norma considerata confusa già in origine. (bb/f.cio)
 



Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi