Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine e di fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per informazioni sui cookie dei siti di Regione Toscana e su come eventualmente disabilitarli, leggi le  Cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque altro link nella pagina acconsenti all'uso dei cookie.

Comunicati stampa

Comunicato n. 401 del 18 marzo 2017

Cultura, Istruzione e Ricerca

Festa della Toscana: caccia ai 'tesori' del granduca Leopoldo

Per le strade di Firenze adulti, bambini e famiglie hanno cercato, e trovato, le opere che volle il grande riformatore fino alla meta finale, palazzo del Pegaso. La soddisfazione del presidente Eugenio Giani: "Percorso formativo da replicare. Le riforme introdotte dal granduca sono lezione di grande attualità"

Firenze – “Questa caccia al tesoro tra arte, storia e teatro è un’iniziativa lodevole. Scoprire Firenze, le sue radici, il suo bagaglio culturale, i personaggi che l’hanno resa grande e bellissima attraverso un gioco antico eppure anche attualissimo, è un percorso formativo che deve essere replicato”. È il commento del presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, alla caccia ai ‘tesori’ del granduca Leopoldo: opere e interventi che il grande riformatore volle per la città che si avviava a diventare, per la prima volta, Comune a tutti gli effetti, ma soprattutto capitale di uno stato più moderno e razionale.
Il gioco, organizzato dall’associazione culturale Legamidarte nell’ambito delle iniziative per la Festa della Toscana 2016 dedicata al riformismo di Pietro Leopoldo di Lorena, ha ottenuto un grande successo tra pubblico partecipante e passanti incuriositi. Dalle panchine poste tra l’arco di trionfo e la porta San Gallo in piazza della Libertà, fino alla meta finale in palazzo del Pegaso per la consegna del tesoro, ossia la rappresentazione teatrale “In carrozza con Pietro Leopoldo”, decine di persone hanno cercato e guadagnato le tappe del gioco districandosi tra indizi, domande, fotografie di particolari artistici, alla scoperta di Leopoldo e del suo spirito rivoluzionario. “Le riforme che ha introdotto rappresentano una grande lezione di attualità. Nelle sue vedute e nei suoi interventi, riconosco le radici della nostra identità” rileva il presidente Giani ricordando la forte azione riformatrice di Leopoldo in ambito giuridico, economico, religioso. “Nel circondarsi di collaboratori capaci, il granduca ha operato una scelta precisa: adottare provvedimenti di buon governo per contrastare i privilegi di aristocrazia e clero e introdurre principi di giustizia”.
La divertente sfida ludico culturale affrontata da adulti, bambini e famiglie è terminata nella sala Gonfalone di palazzo del Pegaso tra gli applausi del direttore artistico Marco Papeschi, l’ideatrice dei testi della caccia, Stefania Vasetti e il curatore del progetto grafico, Fabrizio Checcacci. (f.cio)



Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi