Per migliorare l'esperienza di navigazione delle pagine e di fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Per informazioni sui cookie dei siti di Regione Toscana e su come eventualmente disabilitarli, leggi le  Cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque altro link nella pagina acconsenti all'uso dei cookie.

Comunicati stampa

Comunicato n. 19 del 11 gennaio 2017

Politica e Istituzioni

Gonfalone d'argento: Bocelli, 'sono commosso e onorato'

Questo pomeriggio al palazzo del Pegaso la cerimonia di consegna del riconoscimento 'per meriti artistici, per le attività di promozione della cultura, per le attività filantropiche sostenute dai più alti valori umani'. Il tenore: "Trump? La mia rinuncia non ha niente di politico"

Firenze – Il Consiglio regionale della Toscana ha conferito il Gonfalone d’argento a Andrea Bocelli. La cerimoniadi consegna si è svolta questo pomeriggio nella sala del Gonfalone del palazzo del Pegaso. È stato il presidente Eugenio Giani a consegnare il massimo riconoscimento dell’assemblea regionale al tenore toscano, “per meriti artistici, per le attività di promozione della cultura, per le attività filantropiche sostenute dai più alti valori umani”. Accanto a loro, la moglie di Bocelli, Veronica Berti, il consigliere dell’Ufficio di presidenza Giovanni Donzelli e il sindaco di Lajatico, Alessio Barbafieri. In sala tra il pubblico, molti consiglieri regionali. “Sono commosso e onorato – ha detto sorridendo Bocelli al momento della consegna del Gonfalone d’argento – per questo premio che viene consegnato qui, a Firenze, ad un pisano. Oggi mi sento abbracciato da una grande famiglia. Il riconoscimento, in realtà dovrebbe andare alla mia Fondazione (in sala la direttrice Laura Biancalani, ndr), il merito e gli oneri della realizzazione di progetti sono loro”.
“I successi di Andrea Bocelli – ha detto il presidente del Consiglio regionale, leggendo le motivazioni – le sue collaborazioni con grandi artisti internazionali, i prestigiosi riconoscimenti ricevuti sono testimonianza di una carriera artistica assolutamente unica.Con il Teatro del Silenzio, spazio artistico ricavato nella meravigliosa cornice delle amene colline di Lajatico, l’intera regione si è arricchita di un luogo unico dove il bel canto, la danza e le arti hanno trovato un luogo ideale e magico”. Bocelli, ricorda ancora Giani, “è anche un maestro di cultura e di umanità che lascia una traccia profonda nella nostra Toscana. Con il suo talento, porta nel mondo un alone di solidarietà. Il maestro promuove progetti finalizzati ad aiutare le persone in difficoltà a causa di malattie, povertà e emarginazione sociale, per il superamento delle barriere e la piena espressione del potenziale umano. A lui, va il nostro ringraziamento”. In sala è stato proiettato il video della Andrea Bocelli Foundation, ‘Voices of Haiti’.
“Questa è l’occasione per ricordare alla Regione che il teatro del Silenzio esiste e si potrebbero fare tante belle cose”, ha aggiunto Bocelli. E al sindaco Barbafieri: “A Lajatico vorrei realizzare una ippovia”.
A margine della cerimonia, Bocelli ha risposto alle domande dei giornalisti ed è tornato sulla scelta di non esibirsi alla cerimonia di insediamento del neo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump: “La mia rinuncia non ha nessun significato politico, tengo a precisarlo”. (s.bar)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana -

Gonfalone d'argento: Bocelli, 'sono commosso e onorato'

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi