Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa

Comunicato n. 938 del 27 ottobre 2015

Politica e Istituzioni

Personale province: approvata la legge

Con il voto favorevole della maggioranza, l’astensione del gruppo Si e il voto contrario delle altre forze di opposizione, il Consiglio regionale approva il testo integrato dagli emendamenti presentati dal capogruppo del Pd Leonardo Marras e altri della Giunta regionale

Firenze – Con 24 voti favorevoli della maggioranza, 13 contrari delle opposizioni e l’astensione dei due consiglieri di Sì Toscana, il Consiglio regionale ha approvato la legge di riordino delle funzioni provinciali con l’elenco del personale provinciale trasferito alla Regione.
Il Consiglio ha accolto una serie di emendamenti, presentati dal capogruppo Pd Leonardo Marras, che toccano vari punti dell’articolato. Segnaliamo l’ampliamento di competenze della conferenza dei comuni dell’ambito, che individua i servizi già presenti sul territorio di cui occorre garantire la continuità, oltre alle attività che sono svolte congiuntamente dall’ufficio del comune capoluogo e gli uffici dei comuni dell’ambito per il più efficace svolgimento della funzione sul territorio.
È prevista inoltre la possibilità di integrare il personale da trasferire alla Regione anche estendendo la procedura alla generalità del personale delle province e della città metropolitana.
Per la polizia provinciale, l’osservatorio può prevedere che l’immissione dei dati degli agenti nel portale della mobilità sia fatta successivamente alla definizione delle convenzioni. Vengono inoltre ampliati i momenti di confronto con le organizzazioni sindacali e le informative specifiche. (dp/s.bar)



Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi