Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 844


Festa della Toscana: Mazzeo apre le celebrazioni al Santuario di Montenero

Alle 9 di lunedì 30 novembre il presidente del Consiglio regionale renderà omaggio alla Madonna delle Grazie. Visita alla sala dove sono custoditi gli stemmi dei Comuni toscani. Alle 11.30 la seduta solenne con il saluto del presidente del Parlamento europeo David Sassoli. Dalle 19, monumenti illuminati in tutta la Toscana

 

di Federica Cioni, 28 novembre 2020

 

Le celebrazioni per la Festa della Toscana 2020, quest’anno con carattere di sobrietà e nel rispetto delle disposizioni per il contrasto alla diffusione del Coronavirus, si apriranno con la visita del presidente del Consiglio regionale, Antonio Mazzeo, al Santuario di Montenero. Alle 9 di lunedì 30, insieme al vescovo di Livorno, Simone Giusti, l’omaggio alla Madonna delle Grazie protettrice della Toscana, poi la visita alla sala dove sono custoditi tutti gli stemmi dei Comuni toscani.

Alle 11.30, in palazzo del Pegaso, prenderà il via la seduta solenne con il videomessaggio di saluto del presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. Seguiranno gli interventi di Mazzeo, del presidente della Giunta regionale, Eugenio Giani, e la prolusione della scrittrice Elena Favilli

La diretta della seduta solenne sarà trasmessa in diretta su Rtv 38, sul sito del quotidiano La Nazione, in streaming sul sito istituzionale del Consiglio, sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del parlamento toscano. 

Alle 19 molti comuni della Toscana, accogliendo l’invito del presidente Mazzeo, illumineranno di bianco e di rosso i loro principali monumenti. La staffetta dell’accensione vedrà Il presidente del Consiglio a Pisa, in piazza dei Miracoli, per l'illuminazione della Torre pendente. Il testimone passerà poi al presidente della Giunta a Firenze dove, oltre al palazzo del Pegaso, saranno illuminate anche le Porte d'ingresso alla città. Chiuderà Volterra dove il sindaco colorerà di rosso e bianco il palazzo dei Priori, così da dare una spinta ideale di tutta la Toscana alla corsa che la città sosterrà per la designazione a capitale della cultura italiana 2022.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi