Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 577


Rifiuti: Scarlino, fermare procedura di Via

Approvata mozione in cui si chiede alla Giunta di prendere atto della sentenza del tribunale di Grosseto che inibisce la prosecuzione dell'attività dell'inceneritore

 

di Ufficio Stampa, 17 giugno 2020

 

 Firenze – “Fermare immediatamente la sesta procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale) relativa all'inceneritore di Scarlino in assenza di un elaborato progettuale che contenga un nuovo studio di impatto ambientale come sostiene la stessa avvocatura regionale”. È quanto chiedono i consiglieri del gruppo Sì-Toscana a sinistra in Consiglio regionale Tommaso Fattori e Paolo Sarti, in una mozione che è stata approvata oggi dall’aula.

Nell’atto, Fattori e Sarti chiedono alla Giunta di tener conto della sentenza del Tribunale di Grosseto (numero 980/2019) che inibisce la prosecuzione dell'attività dell'inceneritore a tutela della saluta pubblica. Si chiede inoltre di dar seguito ad atti di indirizzo già approvati dal Consiglio come la mozione del 2019, presentata sempre da Sì-Toscana, per la chiusura dell'impianto e il mantenimento dei posti di lavoro.

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi