Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0849


Anniversario 4 novembre: valorizzare lapidi e cippi

Il Consiglio regionale ha approvato la deliberazione che prevede un avviso pubblico per la concessione di contributi per interventi di valorizzazione di monumenti situati nei Comuni toscani e dedicati alla prima guerra mondiale

 

di Sandro Bartoli e Paola Scuffi, 31 luglio 2018

 

Grande consenso in aula per la deliberazione della Consulta per la denominazione dei beni regionali, che prevede un avviso pubblico per la concessione di contributi per interventi di valorizzazione di lapidi, monumenti e cippi situati nei Comuni della Toscana e dedicati alla prima guerra mondiale. Su proposta del presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani (Pd), del portavoce dell’opposizione Jacopo Alberti (Lega), del presidente della prima commissione Giacomo Bugliani (Pd) e della consigliera Valentina Vadi (Pd), tutti facenti parte della Consulta, si prevede di contribuire alla “valorizzazione di lapidi, monumenti e cippi ubicati o da collocare nei Comuni della Toscana”, in memoria dei caduti della Grande Guerra, “tramite promozione e contribuzione a specifici interventi da effettuarsi da parte dei Comuni”.
 
Il Consiglio stanzia 150mila euro, a ciascun Comune potrà essere destinato un massimo di 4mila euro per una quota non superiore all’80 per cento del costo complessivo dell’intervento. La Consulta avrà la possibilità di destinare contributi aggiuntivi per una somma non superiore ai 7mila euro ciascuno a un massimo di tre Comuni, le cui domande siano risultate di particolare rilevanza. L’erogazione dei contributi sarà subordinata alla definizione di un elenco dei Comuni ammessi.
 
Il Consiglio regionale “nel suo ruolo di organo di rappresentanza della comunità toscana”, in occasione della ricorrenza dei cento anni dalla conclusione del primo conflitto mondiale, “intende destinare un contributo una tantum per la valorizzazione, anche tramite restauro o manutenzione straordinaria, di lapidi, monumenti e cippi celebrativi presenti o da collocare sul territorio”.
 
“Con questo atto intendiamo dare un aiuto a quei Comuni toscani che vogliano ricordare l’anniversario della grande guerra, intervenendo su lapidi e cippi, che nella nostra regione raccontano la storia, facendo memoria del passato”. Così il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani, cui ha fatto eco il consigliereJacopo Alberti (Lega): “apprezziamo l’iniziativa, penso non ci sia Comune che non abbia avuto caduti, ricordare anche attraverso la manutenzione delle lapidi è importante”.
Di “passo avanti” ha parlato Tommaso Fattori (Sì-Toscana a sinistra) che ha però auspicato un maggior collegamento con la Giunta regionale, per poter contare su una struttura adeguata. “Pur non condividendo la cornice – ha concluso il consigliere – il nostro non sarà un voto contrario, ma un’astensione”.   

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi