Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

Comunicati stampa

Comunicato n. 194 del 14 marzo 2018

Economia e Imprese

Economia: ex Lucchini di Piombino, mozioni unanimi per i lavoratori

Il Consiglio ha approvato i due atti presentati rispettivamente da Elisa Montemagni (Lega nord) e da Giacomo Giannarelli (M5S)

Firenze – La situazione dei lavoratori dell’Azienda Aferpi, ex Lucchini di Piombino, tra ammortizzatori sociali, integrazioni salariali e piano industriale, è al centro delle due mozioni presentate rispettivamente da Elisa Montemagni (Lega nord) e Giacomo Giannarelli (M5S), approvate all’unanimità dall’aula di palazzo del Pegaso.  
La mozione della Lega impegna la Giunta regionale “ad attivarsi presso il Ministero competente, in modo che i lavoratori abbiano esatta contezza della loro situazione lavorativa”, facendo chiarezza sullo sblocco contrattuale che li riguarda, spaziando dagli ammortizzatori sociali all’estensione del trattamento di integrazione salariale.
La mozione del Movimento 5 Stelle si concentra su tre obiettivi, chiedendo al Presidente della Giunta regionale di attivarsi nelle sedi opportune per dare comunicazione al Consiglio regionale sui contenuti dell’accordo preliminare di vendita di Aferpi a Jindal e in merito al nuovo piano industriale; attivare un confronto istituzionale all’interno della Commissione Costa sulla diversificazione produttiva a Piombino; assicurare l’estensione degli ammortizzatori sociali ai lavoratori ex Lucchini e anche ai lavoratori dell’indotto.
Sì convinto è stato espresso, oltre che dai firmatari che hanno anche illustrato gli atti in aula, dai consiglieri Tommaso Fattori (Sì Toscana a sinistra) e da  Gianni Anselmi (Pd), che hanno rispettivamente puntato l’accento sulla necessità di risolvere laquestione degli ammortizzatori omogeneizzandone la durata con il contratto di solidarietà, e sull’urgenza di aprire un dibattito serio sul Piano industriale “condizionandolo”, tenendo presente che “la siderurgia è multinazionale – ha sottolineato il presidente della commissione sviluppo economico, Anselmi appunto – questo è un nodo cruciale non solo per il territorio di Piombino, ma per l’intera regione”.
“Grazie per queste mozioni che danno incisività al lavoro che come Giunta stiamo portando avanti”, ha affermato l’assessore all’Istruzione Cristina Grieco, ricordando l’impegno anche sul fronte delle politiche formative, per agevolare l’insediamento di nuove attività ma anche per accompagnare la fase post-assunzione. (ps)  

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Argomento

Anno

 

Condividi