Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1730


Disabili: interventi a favore della mobilità, Consiglio unanime su nuova legge

Il testo arrivato dalla commissione Sanità vede come primo firmatario il consigliere Giovanni Donzelli (FdI): fino a 18mila euro per acquistare auto adattata e fino a 20mila euro per adattare la vettura propria o di un familiare

 

20 dicembre 2017

 

Firenze – Il Consiglio regionale approva all’unanimità la nuova legge per favorire la mobilità individuale e l’autonomia personale delle persone disabili. Il provvedimento, che vede come primo firmatario Giovanni Donzelli (Fratelli d’Italia), prevede l’istituzione di un fondo di 200mila euro per il 2018, per la concessione di contributi per persone con disabilità che si trovino in situazioni di grave limitazione dell’autonomia personale o, in alternativa, ai genitori o a un componente del nucleo familiare. Contributi per l’acquisto di autoveicoli nuovi o usati adattati (fino a un massimo di 18mila euro); per la modifica degli strumenti di guida, compreso il cambio automatico di serie, o la modifica dell’auto di un genitore o comunque di un familiare (fino a un massimo di 20mila euro); per il conseguimento di patenti speciali di guida (fino a un massimo di mille e 500euro). Prevista anche l’attivazione da parte dei Comuni di progetti pilota per servizi di ‘car sharing’ a favore delle persone disabili.
“L’atto arriva in aula con il voto unanime della commissione Sanità”, spiega nell’illustrazione all’Aula Stefano Scaramelli (Pd), che della terza commissione è presidente. “Ringrazio il consigliere Donzelli, che ha avuto il merito dell’intuizione ed è stato il depositario della prima ipotesi legislativa, poi rielaborata dalla commissione. Il testo unificato ha visto l’arricchimento portato da tutti i gruppi e si è arrivati a trovare anche la necessaria copertura finanziaria”. Di qui, aggiunge in Aula Scaramelli, “l’intesa ritrovata con lo stesso Donzelli, grazie alla quale è tornato ad essere primo firmatario dell’atto ora in approvazione”. (s.bar)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi