Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1284


Etruschi: ecco la due giorni alla scoperta di Fiesole

Presentata in Consiglio regionale l'iniziativa che sabato e domenica, 23 e 24 settembre, offrirà un programma di visite guidate per scoprire itinerari e testimonianze del passato etrusco del colle. Il progetto rientra nella Giornata degli Etruschi

 

21 settembre 2017

 

Firenze – Un progetto che spicca nel panorama delle iniziative legate alla Giornata degli Etruschi 2017 promossa dal Consiglio regionale, e che il prossimo fine settimana, sabato 23 e domenica 24 settembre, offrirà a chi vorrà la magia di una 'passeggiata' nella Fiesole etrusca. "Etruschi a Fiesole, da Winckelmann a Michelucci', frutto della collaborazione tra Fondazione Giovanni Michelucci, il Comune di Fiesole e la rivista ANANKE è stato presentato questa mattina in palazzo del Pegaso. Come spiegato da Marco De Marco, del Museo Civico Archeologico di Fiesole, "Il patrimonio archeologico etrusco di questa città è ancora oggi, in larga parte, da far conoscere anche alla luce delle scoperte che in questi ultimi decenni si sono verificate, non solo nell'area cittadina, ma anche nel territorio circostante. Un gran numero di reperti di età etrusca conservati nei depositi del Museo Archeologico fiesolano è in attesa di una nuova esposizione e conseguente adeguata valorizzazione". Il progetto è incentrato sulle suggestioni di luoghi e personalità che si ritrovano nella 'idendità etrusca' del colle – da Johanann Joachim Winckelmann, ad Angiolo Maria Bandini fino alle lezioni universitarie di Michelucci appunto - , e offre un percorso di visite in più tappe in compagnia di osservatori di diverse epoche. L'architetto Marco Dezzi Bardeschi, direttore di ANANKE e Andrea Aleardi della Fondazione Michelucci, hanno indicato il percorso che muove dal cancello della Fondazione, dove i visitatori sono accolti da un tratto delle mura dell'insediamento etrusco, per proseguire poi per villa 'Il Roseto', la casa studio di Giovanni Michelucci; via della Doccia, con gli scorci sul panorama del territorio fiesolano e fiorentino, fino all'area Garibaldi, dove si trova una ampia sedimentazione archeologica dall'età etrusca a quella longobarda. Ultima tappa proprio presso l'area archeologica del Teatro Romano, in particolare l'area del Tempio, per poi proseguire e terminare presso l'oratorio di Sant'Ansano, che costituì l'ultima residenza di Bandini. L'itinerario, che dura tre ore circa, sarà supportato da una mappa, in formato cartaceo e anche scaricabile dal sito michelucci.it, che renderà possibile percorrere autonomamente le testimonianze del passato etrusco di Fiesole. Sono previsti quattro turni di visita per gruppi di venti persone con punto di ritrovo davanti al cancello della Fondazione Giovanni Michelucci in via Beato Angelico 15, a Fiesole, alle 10 e alle 15 nelle giornate di sabato 23 e domanica 24 settembre. La partecipazione è gratuita ma è obbligatoria la prenotazione, inviando una mail a amici@michelucci.it o telefonando allo 055-597149 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle 13.00. Il progetto presentato, come ha ricordato il capo di Gabinetto del Consiglio, Paolo Becattini, ha avuto il riconoscimento più alto da parte della commissione tecnica che ha analizzato i progetti proposti nell'ambito delle Giornate Etrusche 2017. (Cam)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi