Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0440


Sport: 'Pinocchio sugli Sci', festa tradizionale e volano di sviluppo

Presentata in Sala del Gonfalone nel Palazzo del Pegaso la trentacinquesima edizione dell'importante evento sportivo per i ragazzi. Il presidente del Consiglio, Eugenio Giani: "Uno straordinario matrimonio di sport e cultura per il Capodanno dell'Annunciazione"

 

23 marzo 2017

 

Firenze – “Il ‘Pinocchio sugliSci’ è un fiore all’occhiello della nostra regione. E’ uno straordinario matrimonio di sport e cultura. Ho voluto con forza che si collocasse nel contesto delle sue feste tradizionali, fissando la data d’inizio il 25 marzo, per secoli e secoli giorno del Capodanno dell’Annunciazione”. Lo ha sottolineato il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani,nel corso della conferenza stampa di presentazione della rassegna giovanile di sci alpino dedicata ai ragazzi dagli otto ai quindici anni, che si svolgerà sulle piste dell’Abetone (Pt) fino al primo aprile. “Tre ragazze sul podio del primo, secondo e terzo posto ad Aspen, nell’ultima gara di Coppa del mondo, ed il record assoluto di complessivi quarantatre podi conquistati nell’ultimo anno – ha sottolineato il presidente - sono la testimonianza della straordinaria vitalità che anima il mondo dello sci e la sua federazione, grazie ad un’attività di base, di cui il ‘Pinocchio sugli sci’ è parte integrante”.
“Siamo sportivi. Ci piace partecipare, ma ci piace anche molto vincere. La nostra, però, non è una sfida solo per i risultati – ha precisato il presidente del Coni regionale, Lorenzo Sanzo– E’ in gioco il riconoscimento del ruolo nazionale ed internazionale della Toscana. Questa è una manifestazione straordinaria per lo sport e per la valorizzazione del nostro territorio, ma che richiede sforzi non banali”.
Quest’anno gli organizzatori sono riusciti a fare sciare in Italia, da dicembre a marzo scorso, qualcosa come 7500 bambini. A disputare le finali  nazionali verranno sull’Abetone in 1750. Ottimi i dati di presenza. Nella sola selezione di Bardonecchia, per la provincia di Torino, gli iscritti sono stati 905 nella quattro categorie. Buoni risultati anche sul fronte economico con circa 3500 contatti presi con le aziende, che hanno messo a disposizione circa 7000 gadgets. A fornire questi dati è stato il presidente della manifestazione Franco Giachini, che ha voluto dare assicurazioni anche sul fronte meteorologico: la neve sarà in ogni caso sufficiente e la manifestazione si svolgerà regolarmente. Una previsione confermata da Rolando Galli, presidente di APM, il consorzio di promozione turistica. “Le notizie sono sufficientemente confortanti – ha dichiarato – L’altezza della neve va dai dieci centimetri della parte bassa agli oltre settanta della parte alta”. Una quantità che mette al riparo da ogni rischio per un evento che economicamente è paragonabile alla settimana di Natale. “E’ una delle otto manifestazioni al mondo dedicate alle categorie children, che vedrà la partecipazione di quaranta nazioni da Hong Kong al Sudafrica alla Nuova Zelanda – ha aggiunto Giachini – Cinque continenti che vengono a contendersi un prestigioso trofeo, nel nome del burattino più prestigioso del mondo. Tra i vincitori ci saranno i campioni di domani”.
All’iniziativa, da oltre trentacinque anni, non fa mancare il suo contributo la Fondazione nazionale Carlo Collodi. “Ci siamo sempre stati e ci saremo sempre - ha assicurato il suo presidente, Pier Francesco Bernacchi– Con questi risultati non possiamo che complimentarci”. A fianco dell’evento, “più nel back office, che nel front office” anche il consigliere Massimo Baldi: “La grande sfida per un eletto in Toscana non è ritirarsi nel territorio per farlo valere, ma essere portavoce della nostra regione nel mondo – ha affermato -  Nel Piano regionale di sviluppo appena approvato, con un emendamento firmato da me e dal collega Niccolai, Pinocchio è stato inserito tra i grandi attrattori culturali. Guardiamo allo sviluppo della montagna pistoiese come al futuro polo sciistico dell’Italia centrale”. (dp)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Data

dal      al     

Argomento

 

Condividi