Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 1261


Riviste di cultura: Saccardi, a Firenze un salone permanente

Presentato il convegno di giovedì 11 dicembre alle 15 a palazzo Bastogi. Valdo Spini: “Piattaforme informatiche come integrazione. In Toscana presenti 250 riviste culturali”

 

10 dicembre 2014

 

Firenze – Fornire gli strumenti affinché la tradizione delle riviste culturali italiane non vada dispersa. Questo l’obbiettivo del convegno “Le riviste di cultura nell’età della comunicazione globale” che si terrà domani, giovedì 11 dicembre alle 15 a palazzo Bastogi (via Cavour, 18). Il convegno, promosso dal coordinamento riviste italiane di cultura (Cric) e dall’assessorato regionale alla cultura, rientra nelle iniziative per la Festa della Toscana. “Si vuole sintetizzare – ha detto il consigliere regionale Severino Saccardi – la storia delle riviste di cultura in Italia, pubblicazioni di orientamenti e appartenenze diverse, ma che hanno in comune il carattere umanistico e il senso civico”. “Nel mondo della comunicazione globale – ha aggiunto il consigliere – il ruolo di queste riviste è proprio quello di non disperdere la storia. Bisogna creare a Firenze un salone permanente delle riviste di cultura che dia loro respiro e le valorizzi”.

Il convegno darà spazio a voci di molteplici attori, dalle riviste stesse agli operatori locali, dai settori ministeriali coinvolti, alla stampa, agli editori di grandi riviste a carattere nazionale. “Non chiediamo sussidi ma strategie – ha detto il presidente del Cric, Valdo Spini -. Vogliamo internazionalizzarci nel contenuto e nei rapporti, utilizzare le piattaforme informatiche come integrazione con il prodotto cartaceo e andare on line. Questo sarebbe un modo per rilanciare la cultura”. “La Toscana – ha concluso – è l’unica regione ad aver fatto il censimento delle riviste culturali, ne sono presenti 250”.

Ad aprire i lavori, domani, sarà Daniela Lastri dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, a seguire parleranno l’assessore regionale alla cultura Sara Nocentini e Valdo Spini. Presiede Severino Saccardi. Tra gli interventi quello di André Chabin che racconterà l’esperienza del Salon de la Revue di Parigi. Ogni rivista avrà domani uno spazio per esporre alcuni numeri. (bb)

 

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi