Per migliorare l’esperienza di navigazione delle pagine e la fruizione dei servizi online, questo sito utilizza cookie tecnici e analitici.
Questo sito permette inoltre l’utilizzo di cookie di terze parti per funzionalità quali la condivisione e la visualizzazione sui social media.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su collegamenti nella pagina acconsenti all’uso di questi cookie.
Per informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli, leggi la Cookie policy dei siti del Consiglio regionale della Toscana.

COMUNICATO STAMPA  n. 0939


Partecipazione: nuova Autorità regionale si presenta con 21 progetti e Open Toscana

Venerdì 10 ottobre alle 11.30, sala Gonfalone, palazzo Panciatichi: finanziamenti regionali e adesione al portale Open Toscana. Intervengono, con i componenti dell’organismo, l’assessore regionale Vittorio Bugli, la consigliera dell’Ufficio di presidenza Daniela Lastri, il presidente della commissione Affari istituzionali Marco Manneschi

 

7 ottobre 2014

 

Firenze –Ventuno progetti di partecipazione finanziati e adesione alla multipiattaforma ‘Open Toscana’. La nuova Autoritàregionale per la promozione e la garanzia della partecipazione si presenta così agli organi di informazione e ai cittadini. Venerdì 10 ottobre alle 11.30, sala Gonfalone, a palazzo Panciatichi (via Cavour, 4) conferenza stampa per far conoscere quest’organismo rinnovato, lesue funzioni e i progetti finanziati nella prima fase di avvio della nuova legge regionale n. 46/2013che ha confermato l’APP, ristrutturandola. L’APP illustrerà le modalità di adesione alla multipiattaforma Open Toscana, recentemente attivato dalla Regione e che prevede tra le sue pagine alcune “stanze”, dedicate ai progetti presenti e futuri finanziati dall’Autorità per la partecipazione.
Si parlerà del nuovo articolato della legge che – nel sostituire il testo della precedente, la 69/2007 – opera tre grandi cambiamenti nella concezione e strutturazione dell’Autorità. Si modifica la natura dell’organismo; si rafforza il suo ruolo nella promozione, organizzazione e valutazione delle procedure di dibattito pubblico a scala regionale e si offre l’opportunità di un aumento della qualità della sua azione nella “promozione di una cultura della partecipazione” sul territorio regionale. La legge si fonda su due pilastri: la realizzazione del dibattito pubblico obbligatorio per le grandi opere al di sopra dei 50 milioni di euro e il sostegno finanziario, logistico e/o metodologico ai processi partecipativi.  
Alla conferenza stampa intervengono la consigliera dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale Daniela Lastri, il presidente della commissione Affari istituzionali Marco Manneschi,l’assessore regionale a Partecipazione e bilancio Vittorio Bugli; i tre componenti dell’organismo (in passato l’Autorità era organo monocratico), i professori Giovanni Allegretti, Ilaria Casillo, Paolo Scattonie il garante della comunicazione per il governo del territorio Massimo Morisi. (bb)

Responsabilità di contenuti, immagini e aggiornamenti a cura dell'Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Toscana

Seleziona comunicati

Cerca

Anno

Argomento

 

Condividi